Verdure con più calorie

By | Gennaio 19, 2022
Verdure con più calorie

Oggi in questo articolo parliamo delle verdure con più calorie. Le verdure sono spesso incluse nelle diete perché sono un alimento salutare, ma attenzione! Molte verdure hanno anche un valore calorico abbastanza alto. Mangiare frutta e verdura ogni giorno offre molteplici benefici per la nostra salute, come la riduzione del rischio di alcune malattie legate all’obesità, al colesterolo o ai problemi cardiaci.

In generale, le verdure sono solitamente uno degli alimenti con meno calorie che possiamo trovare e molto adatte a una dieta e un’alimentazione sana ed equilibrata, anche se se l’obiettivo che si cerca quando si consumano molte verdure è quello di dimagrire, bisogna tenere presente che alcune verdure curiosamente hanno più calorie di quanto pensassimo.

Verdure con più ferro

Verdure con più calorie

Se prendiamo in considerazione che le verdure hanno circa 20 calorie per porzione, alcune verdure superano notevolmente questa cifra e possono fornire più grasso al nostro corpo. Anche se dobbiamo tenere presente che questi valori sono per le verdure crude, durante la cottura questi nutrienti e valori possono variare per innumerevoli motivi. Ad esempio, quando si frigge qualche tipo di verdura, le calorie e i grassi aumenteranno enormemente, ma fondamentalmente per la quantità di olio che viene utilizzata e non per la verdura stessa.

Patate, mais, porri e piselli sono le verdure con il maggior numero di calorie, anche se le patate dolci e i pomodori secchi (cibi poco utilizzati nella nostra vita quotidiana) seguono a ruota.

La patata è probabilmente uno degli alimenti più coltivati ​​e consumati nella dieta da tutte le persone nel mondo. È originaria del Sud America ed è un’importante fonte di energia, grazie alla loro ricchezza di potassio, vitamina C e ferro.

Inoltre, questi tipi di tuberi sono antitumorali e aiutano a ridurre la pressione alta, anzi, le loro informazioni nutrizionali sono elevate, poiché una patata di circa 75 grammi ha circa 58 kcal.

Qualcosa di simile accade con il porro, uno degli alimenti più utilizzati nelle diete dei convalescenti. Tra le molteplici proprietà di questo alimento spiccano la sua facile digestione e il suo alto contenuto di minerali, pulendo lo stomaco da eventuali batteri. Le sue informazioni nutrizionali sono di 54 kcal per ogni porro di circa 89 grammi.

Da parte sua, il mais è uno dei cereali più popolari al mondo e quello che offre le maggiori possibilità culinarie. È molto comune in molte diete a causa del suo alto contenuto di fibre e della sua alta percentuale di proteine. Tuttavia, è importante combinare il mais con altri tipi di aminoacidi poiché non tutti i suoi nutrienti sono ugualmente assimilabili dal nostro organismo. Per ogni porzione di mais troviamo 125 kcal e 1,94 grammi di grasso, per questo stesso motivo alcune diete dimagranti non lo includono o solo piccole quantità. Il mais, come molte altre verdure e frutta, va consumato subito dopo essere stato raccolto dalla pianta.

Infine, i piselli hanno circa 117 kcal per porzione da 145 grammi. Tuttavia, hanno molti più nutrienti rispetto ai fagiolini, poiché rafforzano la flora intestinale grazie al loro contenuto di fibre e rafforzano le ossa. Inoltre, proteggono il sistema nervoso e, sebbene possa sembrare improbabile, apportano benefici all’umore delle persone.

Quali sono le verdure che non si possono mangiare crude

Patate dolci e pomodoro secco completano la lista

Sebbene la patata dolce serva come rimedio naturale per combattere numerosi disturbi, è un ortaggio con un alto numero di calorie e grassi. Per ogni porzione di circa 130 grammi di questo alimento troviamo 114 calorie, per questo stesso motivo la patata dolce viene eliminata da molte diete il cui obiettivo principale è quello di dimagrire.

Tra i benefici delle patate dolci troviamo che può prevenire la cataratta e i disturbi immunitari grazie al suo effetto stimolante sul sistema immunitario. Inoltre è ricco di fenoli e flavonoidi che, insieme alle altre proteine di cui dispone, ne rafforzano il grande effetto antiossidante, e spicca anche il suo contenuto di manganese.

Il pomodoro secco, invece, è una delle verdure più caloriche, poiché ogni porzione da 110 grammi contiene circa 234 kcal e 15 grammi di grasso. Tra i benefici del consumo di pomodoro secco ci sono che previene l’anemia da carenza di ferro, riduce il rischio di malattie cardiache ed è un alimento perfetto per quelle diete povere di sodio e ricche di potassio che aiutano a prevenire la pressione sanguigna molto alta.

Altre verdure con un gran numero di calorie che potremmo inserire anche noi in questa lista ma di un gradino più in basso delle precedenti sono: il cavolo cappuccio, la cipolla e la yucca.

Quest’ultima la troviamo nella categoria degli ortaggi ed è originaria dell’America, anche se oggi viene prodotto anche in molte località dell’Africa e del Brasile. Una porzione di manioca ha circa 330 calorie e sebbene sia fonte di polifenoli e tannini con effetti benefici sull’organismo, se ne consiglia un consumo moderato, soprattutto perché contiene carboidrati cianogenici che danno origine a cianuro e quindi, se il consumo è abituale e con una dieta che non si alterna a più vitamine e minerali, può causare neuropatie.

5 modi per mangiare più frutta e verdura

Da parte sua, il cavolo cappuccio ha 43 calorie per 100 grammi e la cipolla 62 kcal. Il cavolo cappuccio è ricco di calcio, manganese e ha un alto contenuto di fibre, che aiuta il processo di digestione, aiuta anche ad abbassare il colesterolo e prevenire vari tipi di cancro.

Mentre la cipolla aiuta ad abbassare la pressione sanguigna e gli zuccheri nel nostro corpo, previene alcune malattie e riduce l’infiammazione. Inoltre, grazie alla quercetina ( il flavonoide più abbondante e comune nella dieta umana) che include tra i suoi nutrienti, può inibire il cancro e agire come antiossidante. in molte occasioni e sono alimenti che si conservano fino a due settimane purché in un luogo fresco e asciutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.