Puoi mangiare le ciliegie con il diabete?

By | Febbraio 5, 2022
ciliegie diabete

Si possono mangiare le ciliegie con il diabete? E se sì, che tipo di ciliegie: acide, dolci, fresche, in scatola, spremute? Contrariamente alla credenza popolare, i diabetici generalmente possono e devono mangiare ciliegie crude, in agrodolce e altri frutti poiché fanno bene e contribuiscono a una migliore salute generale e alla gestione del peso. Le ciliegie hanno un basso indice glicemico e non provocano picchi nei livelli di zucchero nel sangue se consumate in quantità limitate.


Tuttavia, è meglio evitare con il diabete le ciliegie in scatola, la torta di ciliegie, le ciliegie marinate o il succo di ciliegia, soprattutto se zuccheri aggiunti. Altrettanto importante, la quantità di frutta che i diabetici possono mangiare dipende dal loro attuale stato di salute e peso, da altre scelte alimentari e dal livello di attività fisica. Non tutti i diabetici possono mangiare la stessa quantità di ciliegie e alcuni diabetici potrebbero fare meglio a non includere la frutta nella loro dieta per un po’, almeno non senza prima fare spazio ai carboidrati portati dalla frutta.

Perché le ciliegie fanno bene al diabete?

Le ciliegie hanno un basso indice glicemico

Il motivo principale per cui le ciliegie fanno bene al diabete è perché hanno un basso indice glicemico. Ciò significa che, anche se hanno un sacco di zucchero, non causano picchi nei livelli di zucchero nel sangue, ma piuttosto aumentano lo zucchero nel sangue lentamente e costantemente.

Ciò è dovuto in parte al loro buon contenuto di fibre alimentari: 100 grammi di ciliegie crude con nocciolo contengono 2,1 grammi di fibre.

Tuttavia, è importante non mangiare troppo in una volta o consumare la frutta troppo frequentemente in un giorno o una settimana poiché lo zucchero alla fine si accumula, causando livelli elevati di zucchero nel sangue e, a lungo termine, complicazioni per il diabete.

Le amarene invece hanno meno fibre, circa 1,6 grammi di fibra alimentare per 100 grammi di frutta con nocciolo. Ma poiché hanno anche un basso indice glicemico, ciò significa che puoi mangiare amarene con il diabete e farlo in sicurezza.

Oltre alle ciliegie, alcuni dei migliori frutti da considerare per il diabete sono mele, pere, prugne, pesche, albicocche, frutti di bosco come mirtilli, lamponi rossi, gialli e neri, more, ribes rosso, bianco e nero, fragole, banane, uva , kiwi, arance, mandarini, mandarini, lime, limone, yuzu e prugne mirabolane, dette anche prugne ciliegie.


Diabete gestazionale: cibi consigliati

È importante ricordare di mangiare quantità modeste e scegliere frutta che si può mangiare con la buccia e la polpa per ottenere buone quantità di fibre alimentari per un migliore controllo della glicemia. Nel complesso, i frutti migliori per il diabete sono quelli con un indice glicemico basso o un indice glicemico moderatamente basso.

Le ciliegie hanno un contenuto di zucchero moderato

Di seguito è riportato un elenco dei diversi tipi di ciliegie e preparati a base di ciliegie e il loro contenuto di zucchero.

  • Ciliege dolci crude: 12,82 grammi di zucchero per 100 grammi di frutta
  • Amarene rosse crude: 8,49 grammi di zucchero per 100 grammi di frutta
  • Ciliegie al maraschino (in scatola, scolate): 38,77 grammi di zucchero per 100 grammi
  • Acerola e pitanga/suriname: 0 grammi di zucchero
  • Ciliegie dolci in scatola, confezionate in acqua: 10,26 grammi di zucchero per 100 grammi di frutta
  • Ciliegie dolci in scatola, confezionate in sciroppo pesante: 16,18 grammi di zucchero per 100 grammi di frutta
  • Amarene secche (zuccherate): 67,15 grammi di zucchero per 100 grammi di frutta
  • Amarene in scatola, confezionate in acqua: 7,6 grammi di zucchero per 100 grammi di frutta
  • Amarene in scatola, confezionate in sciroppo pesante: 22,7 grammi di zucchero per 100 grammi di frutta
  • Marmellata di ciliegie normale: da 45 a 65 grammi di zucchero per 100 grammi di marmellata

Se hai il diabete e vuoi mangiare le ciliegie, allora è meglio scegliere la frutta fresca e non superare i 100-150 grammi a porzione per limitare l’assunzione di carboidrati e zucchero.

Considerare il peso del frutto intero (buccia, polpa e noccioli) quando si misura la dimensione della porzione.

Le ciliegie snocciolate forniranno molto di più in termini di carboidrati e zucchero rispetto alle ciliegie con il nocciolo per la stessa quantità.

Naturalmente, ottieni più polpa e succo contenenti zucchero nella frutta snocciolata.

Come è correlato il consumo di alcol e diabete?

Puoi considerare di mangiare amarene invece di dolci. Le amarene sono una buona opzione in quanto non contengono zucchero vero e proprio, solo carboidrati digeribili, ma il contenuto è significativamente inferiore, il che comporta anche un minore impatto glicemico. Si possono anche prendere in considerazione la pitanga arancione o le ciliegie del suriname, sebbene non le varietà rosso scuro e nere che hanno molto zucchero.

I valori nutrizionali sono stime. Non tutte le varietà di ciliegie forniscono la stessa identica nutrizione assoluta.

Osservazione: non tutte le varietà di ciliegie sono uguali. La varietà, la lavorazione necessaria per trasformare la frutta in vari prodotti alimentari (es. succhi, marmellate), la maturazione o la mancanza della stessa sono solo alcuni dei fattori che influiscono sul valore nutritivo delle ciliegie e, di conseguenza, sui loro effetti sulla glicemia. Ciò significa che alcune ciliegie potrebbero effettivamente essere leggermente migliori per il diabete rispetto ad altre.


Contenuto di zucchero delle ciliegie

Diverse varietà della stessa specie vengono coltivate allo scopo di ottenere frutti con caratteristiche specifiche. E una delle caratteristiche più desiderabili per la frutta in generale è il sapore dolce. Quindi può essere utile assaggiare diverse varietà di ciliegie, o ricercarle, o entrambe, per vedere quale è la più dolce e quale è la meno dolce. Se apprezzi di più il gusto, regola la dimensione della porzione e mangia ciò che ti piace di più.

Contenuto di zucchero nelle amarene e nelle amarene

Le ciliegie dolci hanno più zucchero delle amarene o delle amarene. Quanto zucchero ha le ciliegie? In media, le ciliegie dolci contengono 12,8 grammi di zucchero per 100 grammi. Quanto zucchero nelle amarene? Una porzione di 100 grammi di amarene fornisce una media di 8,5 grammi di zucchero.

Contenuto di zucchero nelle ciliegie mature e acerbe

Le ciliegie acerbe hanno carboidrati più complessi e indigeribili rispetto a quelle mature. Ma quando i frutti maturano, parte di quei carboidrati complessi si trasformano in zucchero. Di conseguenza, le ciliegie mature hanno molto più zucchero di quelle acerbe. I frutti troppo maturi sono ancora più ricchi di zucchero.

Puoi dire quanto è maturo un frutto in base al gusto, ma anche al colore e alla consistenza. I frutti maturi e troppo maturi sono di colore rosso più scuro, spesso con macchie mollicce e marroni e si sentono anche più morbidi al tatto. I frutti maturi e surmaturi sono anche più facilmente digeribili nel senso che non richiedono tanta masticazione.

Contenuto di zucchero in diversi colori di ciliegia

Cosa c’è di meglio per il diabete tra ciliegie rosse, amarene, ciliegie gialle e ciliegie bianche? Se il colore è l’unico aspetto considerato, allora puoi averne uno qualsiasi. È vero che le ciliegie gialle e le ciliegie bianche sono più dolci di quelle rosse e nere, ma ciò non significa che facciano male al diabete.

Le varietà di ciliegie gialle e bianche hanno un sapore più dolce perché mancano degli acidi organici che rendono gli altri colori apparentemente meno dolci. Lo zucchero e i carboidrati sono ancora presenti, ma nelle amarene e nelle amarene sono mascherati dalla presenza di acidi organici che conferiscono al frutto una leggera piccantezza che ne equilibra il sapore.

Lavorazione: ciliegie fresche vs essiccate vs succo

La frutta fresca è sempre migliore del succo e della frutta secca, almeno per il diabete. La frutta fresca è una buona fonte di vitamine, minerali, zucchero, fibre e altri nutrienti, ma ricca di acqua in modo da ottenere effettivamente quantità limitate di carboidrati e zucchero in modo da non sperimentare picchi nei livelli di zucchero nel sangue, ma sentirsi comunque soddisfatto.

Il succo è privo della buccia e della polpa che contengono la fibra alimentare con effetti ipoglicemizzanti che significano automaticamente un alto impatto glicemico e livelli di zucchero nel sangue più elevati. Non solo questo, ma il succo di ciliegia ha più zucchero per porzione e porzioni più grandi, quindi può aumentare i livelli di zucchero nel sangue abbastanza rapidamente e considerevolmente di più rispetto alla frutta fresca. Anche senza zuccheri aggiunti che sono comunemente presenti.

Le ciliegie essiccate possono anche contenere zuccheri aggiunti (particolarmente vero per le varietà acide di ciliegia), coloranti alimentari e vari conservanti che semplicemente non sono salutari. Per non parlare del fatto che le porzioni sono molto più piccole, il che significa meno soddisfazione. In realtà è difficile controllare porzioni di succo o frutta secca e la maggior parte delle persone mangia e beve al di sopra delle porzioni consigliate. In generale, è più salutare mangiare frutta rispetto a bere succhi di frutta.

Le persone con diabete possono mangiare l’anguria?

Diabete e peso: considerazioni

Quando si ha il diabete, il peso è un indicatore importante dello stato di salute e può determinare cosa si può e cosa non si può mangiare e in quale quantità. Quindi, se sei gravemente sovrappeso o soffri di obesità, allora devi rimuovere gli alimenti problematici dalla tua dieta prima di introdurne di nuovi, per quanto sani. Il solo pilling sugli alimenti non risolverà il problema principale.

Non importa se i nuovi alimenti sono sani, a basso contenuto calorico o buoni per il diabete. Le calorie si accumulano e si aggiungono all’aumento di peso che è una fonte di complicazioni nel diabete. Quindi, prima di introdurre ciliegie o altri alimenti nella tua dieta, è meglio rimuovere prima gli alimenti problematici, in particolare: cibi altamente trasformati, cibi ricchi di carboidrati, cibi ricchi di zuccheri aggiunti, cibi ricchi di grassi, cibi fritti e pesanti. Allo stesso tempo, introduci molta frutta e verdura fresca nella tua dieta per aiutare con la tua condizione e ottenere la perdita di peso, ma evita i succhi, la frutta in scatola e quella secca.

Altri benefici delle ciliegie per il diabete

  1. Le ciliegie hanno un basso contenuto di grassi e un valore energetico moderato (63 kcal per 100 grammi) che le rende ottime per il controllo del peso e il dimagrimento.
  2. Moderata fonte di vitamina C, vitamine B5 e B6 con benefici per l’immunità, la digestione, il metabolismo energetico, la gestione del peso, la salute cardiovascolare e della pelle.
  3. Contengono piccole quantità di potassio per la regolazione della pressione sanguigna e altri minerali (ferro, magnesio, manganese e fosforo) ad azione energizzante ed effetti tonici e rivitalizzanti.
  4. Importante fonte di antiossidanti con benefici per molteplici sistemi e organi.

Effetti collaterali e reazioni avverse

I possibili effetti collaterali del consumo di ciliegie con il diabete possono variare da aumento di peso e picchi nei livelli di zucchero nel sangue, se l’assunzione è costantemente irragionevole, a reazioni allergiche. Se avverte una sensazione di formicolio alle labbra, alla lingua o alla parte posteriore della gola, prurito alla bocca o alla gola, gonfiore delle labbra, della lingua o della gola, difficoltà respiratorie, vertigini, nausea, calo della pressione sanguigna, sudorazione o eruzione cutanea sulla pelle, consultare immediatamente un medico. È possibile che tu stia vivendo una reazione allergica.

Ciliegie e diabete: osservazioni

I diabetici possono mangiare ciliegie e altri frutti in tutta sicurezza, purché ne godano porzioni ridotte (100-150 grammi) e non superino l’assunzione giornaliera raccomandata di zucchero, carboidrati e calorie.

Le ciliegie non distruggono, curano o eliminano il diabete. Al contrario: ci saranno effetti collaterali se mangi troppa frutta con il diabete.

Per godere di un migliore controllo della glicemia e ridurre i rischi di picchi di zucchero nel sangue, puoi distribuire l’assunzione di frutta nel corso dell’intera giornata.

La frutta fresca è sempre migliore per il diabete rispetto ai succhi e alla frutta zuccherata in scatola o secca, anche se puoi mangiare anche quelli: ricorda solo che le porzioni sono più piccole rispetto alla frutta fresca.

È importante ottenere ciliegie da agricoltura biologica e scegliere varietà a basso contenuto di zuccheri che si possono riconoscere semplicemente assaggiandole.

Se mangiare ciliegie ti fa sentire male, interrompi il consumo e consulta il tuo medico per un consiglio. Con il diabete, considera sempre la tua tolleranza individuale alla frutta e ad altri alimenti per determinare quanto di ciò che puoi mangiare in sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.