Perché si verifica il distacco della retina

By | Novembre 9, 2022
distacco della retina

Il distacco della retina si verifica solitamente con l’età, ma quali sono le cause del distacco della retina? Vi illustriamo le più comuni. Il tessuto sensibile alla luce nella parte posteriore dell’occhio è chiamato retina, dove i raggi luminosi vengono focalizzati attraverso il cristallino, la cornea e la pupilla e convertiti in impulsi elettrici che poi viaggiano attraverso il nervo ottico fino al cervello. Infine, in questo organo importantissimo, vengono interpretati come immagini che vediamo. L’interno dell’occhio è riempito di vitreo, una sorta di gel trasparente attaccato alla retina. Occasionalmente, è possibile che piccoli grumi di cellule o gel all’interno del vitreo si proiettino sulla retina.


In questi momenti è comune vedere piccole macchie, punti o nuvole che si muovono attraverso il campo visivo. Queste macchie sono note come macchie fluttuanti e sono più visibili quando si guarda uno sfondo piatto, come un cielo blu o una semplice parete. Nel corso degli anni, con l’avanzare dell’età, il vitreo tende gradualmente a ridursi e a tirare la retina; a questo punto è possibile notare delle luci lampeggianti, note come “flickering”. In genere il vitreo tende a separarsi dalla retina senza causare problemi, ma a volte, se tirato con troppa forza, è in grado di lacerare la retina in una o più aree, in modo che il liquido possa passare attraverso il punto in cui si è verificata la lacerazione, sollevandolo dalla parte posteriore dell’occhio, mentre la retina tende a separarsi dalla parte posteriore dell’occhio. Questo fenomeno è noto come distacco retina.

Leggi anche: Osteoartrosi, cause, sintomi e come si cura

Che cos’è il distacco della retina?

È una malattia degli occhi che si verifica quando si verifica una separazione spontanea della cosiddetta retina neurosensoriale (lo strato più interno della retina) dall’epitelio pigmentato (lo strato più esterno). Quando si verifica questa separazione, il liquido tende ad accumularsi nello spazio tra la retina neurosensoriale e l’epitelio pigmentato, cosicché la retina distaccata non è in grado di nutrirsi e di funzionare correttamente.

Perché si verifica il distacco della retina?

Il distacco della retina è molto più comune dopo una certa età, poiché con l’invecchiamento è abbastanza comune che il vitreo si restringa e tiri la retina, a volte in modo eccessivo. In effetti, è normale che con l’età l’umor vitreo – il materiale trasparente che riempie il bulbo oculare – si riduca, poiché tende a cambiare forma o ad allontanarsi dalla retina. Se il vitreo tira la retina e ne separa un pezzo, è proprio in questo caso che si verifica il distacco o la lacerazione della retina. Pertanto, se si verifica, l’umor vitreo può fuoriuscire attraverso il distacco, sollevando la parete posteriore dell’occhio e causando il distacco della retina.

Infatti, il tipo più comune di lacerazione retinica è dovuto a una perforazione o lacerazione retinica, che causa il distacco della retina dai tessuti sottostanti. È dovuto a una condizione nota come distacco posteriore del vitreo e può essere causato da una miopia molto grave o da un trauma. Anche una storia familiare aumenta il rischio. Esiste anche un’altra causa, nota come distacco da trazione, che si verifica soprattutto nelle persone con diabete non controllato, infiammazione cronica o una storia di chirurgia retinica.

Distaccamento retina sintomi

I sintomi del distacco retina dipendono dal grado di evoluzione del distacco, ma alcuni di essi possono includere i seguenti:

  1. Punti neri, puntini o “sirfidi” (miodesopsie)
  2. Lampi di luce
  3. Visione ondulata o acquosa
  4. Un’ombra scura in qualche area della vista
  5. Visione centrale offuscata
  6. Rapida perdita della vista
  7. Perdita totale della vista in un occhio

Nella maggior parte dei casi, le macchie o i puntini neri e i lampi di luce non indicano un problema grave e sono relativamente comuni nelle persone di mezza età e in quelle più anziane. Tuttavia, è necessario che il paziente si rechi al pronto soccorso affinché l’oculista esegua una visita oculistica per verificare la presenza di lacerazioni retiniche . È consigliabile effettuare questo esame il prima possibile, poiché le lacerazioni retiniche recenti possono essere trattate precocemente con il laser prima che possano portare al distacco della retina. Alcuni distacchi di retina possono comparire senza corpi fluttuanti o lampi di luce.


In questo caso, i pazienti possono notare una visione ondulata o acquosa, oppure un’ombra scura in un’area della vista. Il successivo sviluppo di un distacco di retina provoca un offuscamento della visione centrale e una significativa perdita della vista. Alcuni rari distacchi di retina possono svilupparsi rapidamente. In tal caso, il paziente subirà una perdita totale della vista in un occhio. La rapida perdita della vista può anche essere dovuta a un’emorragia nel vitreo, che può verificarsi in concomitanza con la rottura di un vaso retinico.

In cosa consiste il trattamento?

Se il distacco non viene trattato, la vista viene persa in modo irrecuperabile, poiché porta a una progressiva atrofia retinica e a un’infiammazione oculare cronica. Con il passare del tempo e in alcuni casi, può addirittura verificarsi l’atrofia dell’intero occhio. Una volta che la retina si è distaccata, il trattamento è sempre chirurgico, con l’obiettivo di chiudere la lacerazione o la rottura che ha portato al distacco della retina utilizzando il laser o la crioterapia e di rimettere la retina al suo posto. Questo può essere fatto spingendo dall’esterno della parete del bulbo oculare all’interno del bulbo stesso, inserendo cinture o pezzi di silicone o eseguendo una vitrectomia e quindi introducendo gas o olio di silicone nella cavità vitrea. L’intervento viene eseguito in regime ambulatoriale in anestesia locale e sedazione.

Trattamento del distacco di retina con vitrectomia

La vitrectomia è un tipo di chirurgia oculare per il trattamento delle malattie della retina e del vitreo, compreso il distacco della retina. Durante la vitrectomia, l ‘umor vitreo viene rimosso e sostituito, di solito con una soluzione salina o una bolla di gas, aria o olio di silicone. Se l’umor vitreo viene sostituito con gas o silicone, il paziente può dover rimanere in posizione prona o laterale per alcuni giorni. Inoltre, se l’interno dell’occhio è pieno di gas o di aria, non sarà possibile volare in aereo o salire a un’altitudine superiore a 500 metri sul livello del mare finché la bolla non sarà scomparsa, poiché le variazioni di altitudine possono influenzarla.

Cosa succede durante la vitrectomia?

La vitrectomia viene solitamente eseguita come intervento ambulatoriale, della durata variabile da mezz’ora a diverse ore , in anestesia locale o generale per addormentare l’occhio. Durante l’intervento, l’oftalmologo esegue tre piccoli tagli o incisioni di meno di 1 millimetro nello strato bianco dell’occhio, la sclera, utilizzando un microscopio per vedere l’interno dell’occhio. Il chirurgo utilizzerà strumenti chirurgici di piccolo calibro per eseguire una o più delle seguenti fasi:

  1. rimozione dell’umor vitreo opacizzato
  2. rimozione del tessuto cicatriziale retinico
  3. rimuovere qualsiasi oggetto che non dovrebbe trovarsi nell’occhio
  4. riposizionamento della retina nella parte posteriore dell’occhio
  5. utilizzando un laser per riparare le lacerazioni della retina
  6. inserire una bolla di gas o d’aria nell’occhio per aiutare la retina a rimanere in posizione(la bolla di gas scomparirà in seguito da sola)
  7. inserire nell’occhio una bolla di olio di silicone (l’olio viene rimosso in una seconda operazione)

Dopo l’intervento di vitrectomia

Dopo l’intervento, l’oculista prescriverà farmaci e gocce antidolorifiche da somministrare per diverse settimane e indicherà quando sarà possibile riprendere la propria vita normale. Come per ogni intervento chirurgico, esistono alcuni rischi, anche se sono inferiori ai benefici attesi per la vista. Alcuni dei rischi della procedura includono emorragia, distacco della retina, aumento della pressione intraoculare o infezione.

Chi è più a rischio?

Il distacco della retina colpisce circa una persona su 10.000 all’anno. Si tratta di un grave problema oculare che può manifestarsi a qualsiasi età, anche se di solito compare in età adulta. Si verifica più frequentemente nelle persone miopi o in quelle con familiari che ne sono affetti. Anche una contusione dell’occhio può essere la causa. In alcuni rari casi, il distacco della retina è una malattia ereditaria e può verificarsi anche nei bambini.

Leggi anche: Le melanzane fanno bene? Proprietà e benefici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *