Melanoma, sintomi, cause e cosa fare?

By | Agosto 16, 2022
melanoma sintomi

Che cos’è un melanoma? Il melanoma è un tipo di cancro della pelle che si forma nelle cellule che formano il pigmento (melanociti). (Un neo, o nevo melanocitico, è un tumore benigno di queste cellule che formano il pigmento). Il melanoma è il tipo più grave di cancro della pelle. Raramente, i melanomi possono essere riscontrati in altre aree del corpo che contengono cellule che formano il pigmento, come l’occhio, i tessuti intorno al cervello e al midollo spinale o il tratto digestivo. I melanomi della pelle producono cambiamenti nell’aspetto della pelle, ma questi cambiamenti possono talvolta essere osservati con altre condizioni della pelle. I sintomi caratteristici includono il cambiamento di un neo esistente o di un nuovo neo con bordi asimmetrici, colorazione non uniforme, aumento delle dimensioni, desquamazione o prurito. In genere i melanomi non sono dolorosi. È sempre importante consultare un medico quando si sviluppa una nuova macchia pigmentata sulla pelle o un neo che cresce o cambia.


Melanoma sintomi

I melanomi possono svilupparsi in qualsiasi parte del corpo. Il più delle volte si sviluppano in aree che sono state esposte al sole, come la schiena, le gambe, le braccia e il viso. I melanomi possono insorgere anche in aree poco esposte al sole, come le piante dei piedi, i palmi delle mani e i letti delle unghie. Questi melanomi nascosti sono più comuni nelle persone con la pelle più scura. I primi segni e sintomi del melanoma cutaneo sono spesso, una modifica di un neo esistente o lo sviluppo di una nuova escrescenza pigmentata o dall’aspetto insolito sulla pelle. Il melanoma non nasce sempre come neo. Può insorgere anche su una pelle dall’aspetto normale.

Melanoma normale

I nei normali sono generalmente di colore uniforme, come l’abbronzatura, il marrone o il nero, con un bordo distinto che separa il neo dalla pelle circostante. Sono ovali o rotondi e di solito hanno un diametro inferiore a 6 millimetri, la dimensione di una gomma da cancellare. La maggior parte dei nei inizia a comparire durante l’infanzia e nuovi nei possono formarsi fino a circa 40 anni. In età adulta, la maggior parte delle persone ha tra i 10 e i 40 nei. I nei possono cambiare aspetto nel tempo e alcuni possono anche scomparire con l’età.

Leggi anche: Zecche cosa fare? Sintomi, cura e trattamento 

Nei insoliti che possono indicare un melanoma

Per aiutarvi a identificare le caratteristiche dei nei insoliti che possono indicare melanomi o altri tumori della pelle, pensate alle lettere ABCDE:

  • A sta per forma asimmetrica. Cercare nei con forme irregolari, come due metà dall’aspetto molto diverso.
  • B sta per bordo irregolare. Cercare nei con bordi irregolari, dentellati o smerlati, caratteristiche dei melanomi.
  • C sta per cambiamenti di colore. Cercate le escrescenze che hanno molti colori o una distribuzione non uniforme del colore.
  • D sta per diametro. Cercate una nuova crescita in un neo più grande di circa 6 millimetri.
  • E sta per evoluzione. Cercate i cambiamenti nel tempo, come ad esempio un neo che cresce di dimensioni o che cambia colore o forma. I nei possono anche evolvere sviluppando nuovi segni e sintomi, come prurito o sanguinamento.

I nei cancerosi (maligni) hanno un aspetto molto variabile. Alcuni possono presentare tutte le alterazioni sopra elencate, mentre altri possono avere solo una o due caratteristiche insolite.

Melanomi nascosti

I melanomi possono svilupparsi anche in aree del corpo poco o per nulla esposte al sole, come gli spazi tra le dita dei piedi, i palmi delle mani, le suole, il cuoio capelluto o i genitali. Questi sono talvolta definiti melanomi nascosti, perché si verificano in luoghi che la maggior parte delle persone non penserebbe di controllare. Quando il melanoma si manifesta in persone con la pelle più scura, è più probabile che si manifesti in un’area nascosta. I melanomi nascosti includono:

  • Melanoma sotto l’unghia. Il melanoma acrale-lentigginoso è una forma rara di melanoma che può insorgere sotto un’unghia delle mani o dei piedi. Si può trovare anche sui palmi delle mani o sulle piante dei piedi. È più comune nelle persone di origine asiatica, nelle persone di colore e nelle persone con pigmento cutaneo scuro.
  • Melanoma della bocca, dell’apparato digerente, del tratto urinario o della vagina. Il melanoma della mucosa si sviluppa nella membrana mucosa che riveste il naso, la bocca, l’esofago, l’ano, il tratto urinario e la vagina. I melanomi della mucosa sono particolarmente difficili da individuare perché possono essere facilmente confusi con altre patologie molto più comuni.
  • Melanoma dell’occhio. Il melanoma dell’occhio, detto anche melanoma oculare, si verifica più spesso nell’uvea, lo strato sottostante il bianco dell’occhio (sclera). Un melanoma oculare può causare alterazioni della vista e può essere diagnosticato durante una visita oculistica.

Cause

Il melanoma si manifesta quando qualcosa va storto nelle cellule che producono melanina (melanociti) e che danno colore alla pelle. Normalmente, le cellule della pelle si sviluppano in modo controllato e ordinato: le nuove cellule sane spingono quelle più vecchie verso la superficie della pelle, dove muoiono e infine cadono. Ma quando alcune cellule subiscono un danno al DNA, le nuove cellule possono iniziare a crescere senza controllo e possono infine formare una massa di cellule cancerose. Non è chiaro cosa danneggi il DNA delle cellule della pelle e come questo porti al melanoma. È probabile che a causare il melanoma sia una combinazione di fattori, compresi quelli ambientali e genetici. Tuttavia, i medici ritengono che l’esposizione ai raggi ultravioletti (UV) del sole, delle lampade e dei lettini abbronzanti sia la causa principale del melanoma. I raggi UV non causano tutti i melanomi, soprattutto quelli che si verificano in punti del corpo non esposti alla luce solare. Ciò indica che altri fattori possono contribuire al rischio di melanoma.


Leggi anche: Dolore al petto destro, cause e rimedi

Fattori di rischio

Tra i fattori che possono aumentare il rischio di melanoma vi sono:

  • Pelle chiara. Una minore quantità di pigmento (melanina) nella pelle significa una minore protezione dai dannosi raggi UV. Chi ha i capelli biondi o rossi, gli occhi chiari e si scotta facilmente, ha maggiori probabilità di sviluppare il melanoma rispetto a chi ha una carnagione più scura. Ma il melanoma può svilupparsi anche nelle persone con carnagione più scura, compresi gli ispanici e i neri.
  • Una storia di scottature solari. Una o più scottature solari gravi e con vesciche possono aumentare il rischio di melanoma.
    Eccessiva esposizione ai raggi ultravioletti (UV). L’esposizione ai raggi UV, che provengono dal sole, dalle lampade e dai lettini abbronzanti, può aumentare il rischio di cancro della pelle, compreso il melanoma benigno.
  • Vivere più vicino all’equatore o a un’altitudine maggiore. Le persone che vivono più vicine all’equatore, dove i raggi solari sono più diretti, subiscono una maggiore quantità di radiazioni UV rispetto a quelle che vivono più a nord o a sud. Inoltre, se si vive ad un’altitudine elevata, si è esposti a una maggiore quantità di raggi UV.
  • Avere molti nei o nei insoliti. La presenza di più di 50 nei comuni sul corpo indica un aumento del rischio di melanoma. Anche la presenza di un tipo di neo insolito aumenta il rischio di melanoma. Conosciuti dal punto di vista medico come nevi displastici, questi tendono ad essere più grandi dei nei normali e ad avere bordi irregolari e una mescolanza di colori.
  • Una storia familiare di melanoma. Se un parente stretto, come un genitore, un figlio o un fratello, è stato colpito da melanoma, anche voi avete maggiori possibilità di sviluppare un melanoma.
  • Sistema immunitario indebolito. Le persone con un sistema immunitario indebolito presentano un rischio maggiore di melanoma e altri tumori della pelle. Il sistema immunitario può essere compromesso se si assumono farmaci per sopprimere il sistema immunitario, ad esempio dopo un trapianto d’organo, o se si soffre di una malattia che lo compromette, come l’AIDS.

Prevenzione

È possibile ridurre il rischio di melanoma e di altri tipi di cancro della pelle se:

  • Evitare il sole nelle ore centrali della giornata. Per molte persone in Nord America, i raggi solari sono più forti tra le 10 e le 16. Programmate le attività all’aperto in altri momenti della giornata, anche in inverno o quando il cielo è nuvoloso. I raggi UV vengono assorbiti tutto l’anno e le nuvole offrono poca protezione dai raggi dannosi. Evitare il sole quando è più forte permette di evitare scottature e abbronzature che causano danni alla pelle e aumentano il rischio di sviluppare il cancro della pelle. Anche l’esposizione al sole accumulata nel tempo può causare il cancro della pelle. Usate una protezione solare ad ampio spettro con un SPF di almeno 30, anche nelle giornate nuvolose. Applicare generosamente la protezione solare e riapplicarla ogni due ore, o più spesso se si nuota o si suda.
  • Indossare indumenti protettivi. Copritevi la pelle con indumenti scuri, a trama fitta, che coprano braccia e gambe, e con un cappello a tesa larga, che offre una protezione maggiore rispetto a un cappellino da baseball o a una visiera. Alcune aziende vendono anche indumenti protettivi. Un dermatologo può consigliare una marca adeguata. Non dimenticate gli occhiali da sole. Cercate quelli che bloccano entrambi i tipi di raggi UV: UVA e UVB.
  • Evitare lampade e lettini abbronzanti. Le lampade e i lettini abbronzanti emettono raggi UV e possono aumentare il rischio di cancro della pelle.
  • Acquisite familiarità con la vostra pelle in modo da notare i cambiamenti. Esaminate spesso la vostra pelle alla ricerca di nuove escrescenze cutanee o di cambiamenti nei nei, lentiggini, protuberanze e voglie già esistenti. Con l’aiuto di uno specchio, controllate il viso, il collo, le orecchie e il cuoio capelluto.
  • Esaminare il torace e il tronco, la parte superiore e inferiore delle braccia e delle mani. Esaminare la parte anteriore e posteriore delle gambe e i piedi, comprese le suole e gli spazi tra le dita. Esaminate anche la zona genitale e le natiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *