Il vino rosso fa bene?

By | Maggio 14, 2021
Il vino rosso fa bene?

Il vino rosso contiene potenti antiossidanti e molte fonti affermano che berlo ha benefici per la salute. Cosa dice la ricerca? I ricercatori hanno studiato a fondo il vino, in particolare il vino rosso, per i suoi possibili benefici per la salute. Questo articolo esamina i benefici del vino rosso, insieme agli avvertimenti per la salute di chi ne beve molto.

Benefici alla salute

Il vino rosso fa parte di eventi sociali, religiosi e culturali da centinaia di anni. I monasteri medievali credevano che i loro monaci vivessero più a lungo, in parte a causa del loro consumo regolare e moderato di vino.

Negli ultimi anni, la scienza ha indicato che potrebbe esserci del vero in queste affermazioni.

Secondo uno studio del 2018, sebbene in particolare non ci siano raccomandazioni ufficiali su questi benefici, bere vino rosso con moderazione ha legami positivi con:

  • malattia cardiovascolare
  • aterosclerosi
  • ipertensione
  • alcuni tipi di cancro
  • diabete di tipo 2
  • disordini neurologici
  • sindrome metabolica

In che modo il vino rosso può migliorare la salute?

Il vino rosso può trarre i suoi benefici per la salute dai suoi effetti antiossidanti, antinfiammatori e di regolazione dei lipidi.

Il vino rosso – ottenuto da uve scure schiacciate – è una fonte relativamente ricca di resveratrolo, un antiossidante naturale nella buccia dell’uva.

Gli antiossidanti riducono lo stress ossidativo nel corpo. Lo stress ossidativo ha chiari collegamenti con molte malattie, compresi i tumori e le malattie cardiache.

Ci sono molti cibi salutari e ricchi di antiossidanti, tra cui frutta, noci e verdure.

L’uva intera e le bacche sono fonti migliori di resveratrolo rispetto al vino rosso e, a causa dei rischi per la salute legati al consumo di alcol, è probabile che ottenere antiossidanti dagli alimenti sia più salutare che bere vino.

Le persone potrebbero aver bisogno di bere molto vino rosso per ottenere abbastanza resveratrolo per avere un effetto, il che potrebbe fare più male che bene.

Detto questo, quando si sceglie tra bevande alcoliche, il vino rosso può essere più salutare di altri.

Le sezioni seguenti esaminano più da vicino i possibili benefici per la salute del vino rosso.

Molti studi nel corso degli anni hanno dimostrato un legame positivo tra un consumo moderato di vino rosso e una buona salute del cuore.

Recentemente, uno studio del 2019 ha riferito che bere vino rosso è collegato a un minor rischio di malattie coronariche, che è una delle principali cause di malattia e morte.

Gli autori hanno concluso che il vino rosso potrebbe avere effetti cardioprotettivi.

Altri fattori possono avere un ruolo. Ad esempio, le persone che bevono vino rosso con moderazione possono anche seguire uno stile di vita più salutare o una dieta mediterranea.

Sottolineano inoltre che l’eccesso di alcol può danneggiare direttamente il cuore:

  • 1 bicchiere di vino al giorno per le donne
  • 2 bicchieri di vino per i maschi

Un bicchiere di vino contiene 12% di alcol in volume.

2. Salute intestinale

Uno studio del 2018 riporta che i polifenoli del vino rosso e dell’uva possono migliorare il microbiota intestinale, contribuendo a un intestino sano.

Secondo una ricerca del 2019, i composti del vino rosso possono anche agire come prebiotici, che sono composti che stimolano i batteri intestinali sani.

Nel 2016, i ricercatori hanno suggerito che il vino rosso potrebbe ridurre il rischio di malattie cardiache attraverso i suoi effetti sul microbioma intestinale.

Tuttavia, la ricerca è limitata e i medici necessitano di ulteriori prove prima di comprendere i veri effetti del vino rosso sulla salute dell’intestino.

3. Diabete di tipo 2

Uno studio del 2015 ha dimostrato che bere un bicchiere di vino rosso a cena “riduce leggermente il rischio cardiometabolico” nelle persone con diabete di tipo 2 e che un consumo moderato di vino rosso è generalmente sicuro.

Gli scienziati ritengono che l’etanolo nel vino svolga un ruolo cruciale nel metabolizzare il glucosio e che anche gli ingredienti non alcolici possano contribuire. Bisogna effettuare ulteriori ricerche per confermare i risultati.

Chiunque abbia il diabete dovrebbe consultare il proprio medico prima di bere alcolici.

Un antiossidante nel vino rosso – può ridurre la pressione sanguigna e aumentare i livelli di colesterolo HDL (buono).

Nel 2006, gli scienziati hanno riferito che i composti del vino rosso chiamati procianidine aiutano a mantenere sani i vasi sanguigni.

Molte persone trovano che una bevanda alcolica li rilassi, ma i risultati pubblicati nel 2012 indicano che anche il vino rosso analcolico può ridurre la pressione sanguigna. Questa potrebbe essere un’opzione più salutare.

È importante, tuttavia, notare che bere troppo alcol può causare ipertensione e aritmia o un ritmo cardiaco irregolare.

4. Danni al cervello dopo un ictus

Una revisione del 2015 riporta che il resveratrolo può aiutare a proteggere dal danno cerebrale secondario dopo un ictus o una lesione del sistema nervoso centrale. Ciò è dovuto ai suoi effetti positivi su infiammazione, stress ossidativo e morte cellulare.

Tuttavia, questi studi mostrano gli effetti del resveratrolo piuttosto che del vino rosso stesso.

5. Perdita della vista

Il resveratrolo può anche aiutare a prevenire la perdita della vista riducendo l’infiammazione e lo stress ossidativo, secondo una ricerca del 2016.

Molte forme di patologie oculari legate all’età che causano la perdita della vista coinvolgono questi fattori, tra cui:

  • glaucoma
  • cataratta
  • retinopatia diabetica
  • degenerazione maculare

6. Cancro

Alcune ricerche dicono che bere vino rosso con moderazione potrebbe ridurre il rischio di alcuni tumori.

Tuttavia, il National Cancer Institute afferma che ci sono prove evidenti che il consumo di alcol può causare alcuni tipi di cancro, soprattutto se si beve molto nel tempo.

Ciò è in parte dovuto al fatto che crea tossine nel corpo, danneggia i tessuti del corpo e crea ossidazione. Ciò significa che i potenziali effetti negativi dell’alcol possono superare qualsiasi beneficio del resveratrolo.

Il National Cancer Institute collega l’uso di alcol a una serie di tumori, tra cui cancro alla bocca, alla gola, al fegato, al seno e al colon.

Per la maggior parte delle persone, godersi il vino rosso con moderazione è sicuro, ma è importante tenere presente che bere alcolici in eccesso è dannoso.

Alcuni studi, tuttavia, collegano l’assunzione moderata di vino rosso con un rischio ridotto o risultati migliori nel cancro. Le sezioni seguenti esaminano studi specifici sul vino rosso e su particolari tipi di cancro.

Cancro al seno

L’alcol aumenta gli estrogeni nel corpo, una sostanza chimica che incoraggia la crescita delle cellule tumorali.

Tuttavia, uno studio del 2012 afferma che gli inibitori dell’aromatasi (AI) nel vino rosso e, in misura minore, nel vino bianco, possono ridurre i livelli di estrogeni e aumentare il testosterone nelle donne che si avvicinano alla menopausa.

I ricercatori affermano che questo potrebbe essere il motivo per cui il vino rosso è meno associato ad un aumento del rischio di cancro al seno rispetto ad altri tipi di alcol.

Cancro ai polmoni

Uno studio del 2017 riporta che il resveratrolo ha effetti protettivi contro il cancro sia negli studi sull’uomo che in quelli di laboratorio. I meccanismi includono la prevenzione della proliferazione cellulare e della crescita tumorale, l’induzione della morte cellulare nelle cellule tumorali e l’inibizione delle metastasi.

Tuttavia, ancora una volta, questi effetti riguardano il resveratrolo piuttosto che il vino rosso stesso.

Cancro alla prostata

Uno studio del 2019 riporta che i maschi che bevevano alcol avevano un rischio leggermente inferiore di cancro alla prostata e che il vino rosso aveva legami con un minor rischio di progressione verso la malattia letale.

Gli autori affermano che questi risultati indicano che il consumo moderato di alcol è sicuro per le persone con cancro alla prostata.

7. Demenza

Secondo un rapporto del 2018, i ricercatori hanno riscontrato un aumento del rischio di demenza nelle persone che si sono astenute dal bere vino.

Gli autori affermano che ciò potrebbe essere dovuto agli effetti neuroprotettivi dei polifenoli e di altri composti nel vino che possono ridurre l’infiammazione e alterare il profilo lipidico nel corpo.

8. Depressione

Uno studio del 2013 su 5.505 persone di età superiore a 7 anni ha mostrato che coloro che bevevano da 2 a 7 bicchieri di vino alla settimana avevano livelli più bassi di depressione.

Hanno anche riferito che le persone che bevevano molto erano più a rischio di depressione.

9. Malattia del fegato

L’alcol è una causa comune di malattie del fegato. Tuttavia, un moderato consumo di vino rosso ha legami con una buona salute del fegato in alcuni contesti.

Secondo uno studio del 2018, una modesta assunzione di alcol, in particolare vino, è collegata alla fibrosi epatica inferiore nelle persone con steatosi epatica non alcolica.

Detto questo, l’impatto del vino rosso sulla salute del fegato è complicato. Sebbene fornisca antiossidanti e riduca lo stress ossidativo, bere può anche aumentare l’acido urico e i trigliceridi, che danneggiano il fegato.

I ricercatori devono completare più studi per elaborare i complessi effetti dell’assunzione moderata di vino rosso sulla salute del fegato.

Detto questo, le persone che attualmente hanno una malattia del fegato dovrebbero evitare del tutto l’alcol.

10. Vita più lunga

Bere vino rosso con moderazione può ridurre il rischio di alcune malattie croniche, come discusso sopra, quindi ne consegue che può aiutare le persone a vivere più a lungo.

Infatti, uno studio diffuso del 2000 ha riportato che “Gli uomini di età compresa tra 45 e 64 anni che bevono circa 5 drink al giorno hanno un’aspettativa di vita più lunga rispetto ai bevitori occasionali e pesanti”.

Tuttavia, ciò è probabilmente dovuto a fattori confondenti, come la dieta, come discusso in una revisione del 2018. Ad esempio, il vino rosso è un’aggiunta comune alla dieta mediterranea, un modello alimentare che ha stabilito legami con una buona salute e una lunga vita.

Vino rosso o bianco?

Il resveratrolo sembra essere alla base di molti dei benefici per la salute del vino rosso.

Il vino rosso contiene più resveratrolo del vino bianco poiché fermenta con le bucce, mentre il vino bianco no. La maggior parte del resveratrolo nell’uva è nei semi e nella buccia.

I vini rossi analcolici possono includere anche il resveratrolo.

Avvertenze

Il consumo di vino può avere alcuni benefici per la salute, ma bere troppo di qualsiasi tipo di alcol può aumentare i rischi per la salute.

1 decesso su 10 tra gli adulti di età compresa tra 20 e 64 anni è correlato al consumo eccessivo di alcol.

I rischi dell’uso eccessivo di alcol includono:

  • problemi di cuore
  • ictus
  • malattia del fegato grasso
  • danno al fegato
  • condizioni di salute mentale
  • alcuni tipi di cancro
  • pancreatite

Le persone possono anche avere avvelenamento da alcol e disturbo da uso di alcol. Il consumo eccessivo di alcol è particolarmente dannoso per la salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *