I 6 alimenti ricchi di vitamina D che puoi trovare al supermercato

By | Ottobre 30, 2021
alimenti ricchi di vitamina D

Anche se la principale fonte di vitamina D è l’esposizione al sole, ecco un elenco di 6 alimenti ricchi di vitamina D che puoi trovare al supermercato. Una singola porzione di salmone fornisce fino al 100% della quantità giornaliera raccomandata di questa vitamina. Mantenere buoni livelli di vitamina D aiuta l’organismo a combattere il Covid-19, secondo uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Bar-Ilan, in Israele, su un campione di 782 pazienti positivi e 7.025 negativi al coronavirus.

La ricerca indica che un basso livello di vitamina D nel sangue è un fattore di rischio per l’infezione e l’ospedalizzazione per questa malattia. Bassi livelli di vitamina D determinano una maggiore suscettibilità alle infezioni, poiché è essenziale per il corretto funzionamento del sistema immunitario, tanto che vari studi l’hanno collegata non solo al Covid-19, ma a numerose malattie, dal rischio cardiovascolare al cancro.

In tal senso, un recente studio condotto dagli scienziati del Brigham and Women’s Hospital, di Boston, indica che il mantenimento di livelli adeguati di vitamina D è associato a una riduzione complessiva del 17% del rischio di cancro avanzato, cifra che aumenta fino a 38% nelle persone con un indice di massa corporea normale.

Altre ricerche, invece, si interrogano sulla relazione tra la buona prognosi del Covid-19 e la vitamina D. È il caso di quella condotta da scienziati di diversi Paesi, guidati dall’Università del Surrey, nel Regno Unito, pubblicata sul BMJ, Alimentazione, Prevenzione e Salute.

La ricerca indica che non ci sono prove conclusive per dimostrare che questa vitamina possa essere utile nel trattamento del coronavirus e avverte dei rischi dell’integrazione, poiché un eccesso di vitamina D nel sangue potrebbe portare, tra l’altro, ad un aumento di calcio, qualcosa che potrebbe essere particolarmente dannoso.

La vitamina D è liposolubile, il che significa che si dissolve nei grassi e non viene eliminata. Le vitamine idrosolubili, invece, vengono eliminate attraverso le urine. Ciò significa che, se immagazzinate nel corpo, le vitamine liposolubili possono essere dannose se consumate in eccesso.

“La vitamina D si genera all’80% attraverso i raggi del sole, quindi la cosa migliore per mantenere un corretto livello è esporsi al sole tutti i giorni”. Nonostante siano sufficienti circa 15 minuti al giorno, la verità è che lo stile di vita contemporaneo non ci permette, in molte occasioni, di trovare quel tempo per esporci al sole e la carenza di questa vitamina è molto diffusa. E proprio per questo che ci mettiamo alla ricerca dei migliori alimenti ricchi di vitamina D.

La vitamina D interviene in molteplici funzioni dell’organismo, oltre a migliorare la qualità della pelle, quindi è fondamentale per garantire buoni livelli. Molte persone che lamentano disturbi digestivi, dal gas alla diarrea o alla pesantezza, in molte occasioni hanno una carenza di questa vitamina. Per mantenere un buon livello, questi sono alcuni alimenti ricchi di vitamina D che dovrebbero essere introdotti nella dieta.

I fagioli fanno ingrassare?

Alimenti ricchi di vitamina D

1. Salmone

Pesci grassi come salmone, acciughe, sgombri o aringhe sono i re della vitamina D, al punto che una singola porzione di salmone ci fornisce fino al 100% della quantità giornaliera raccomandata, si consiglia di inserire questi pesci nella dieta tra 2 e 3 volte a settimana purché non si sia in sovrappeso. Altri pesci ricchi di vitamina D altamente consigliati sono il tonno, la palamita, il grongo o le acciughe.

2. Uovo

Sebbene i pesci grassi siano gli alimenti che hanno, di gran lunga, le quantità più elevate di vitamina D, le uova, in particolare il tuorlo, possono anche aiutare a migliorare i livelli nel corpo. Secondo uno studio condotto da scienziati dell’Università Complutense di Madrid e pubblicato sulla rivista Nutrición Hospitalaria, il consumo di uova potrebbe prevenire la comparsa di carenza di vitamina D negli scolari. La ricerca indica che “incoraggiare il consumo di almeno mezzo uovo al giorno potrebbe prevenire la comparsa di problemi di salute negli scolari tra i 9 e i 12 anni“.

3. Olio di fegato di merluzzo

Molto comune nelle capsule, l’olio di fegato di merluzzo non è solo ricco di vitamina D, ma ha anche molti altri benefici per la salute. Rafforza i tessuti, migliora i problemi alla vista, allevia le malattie intestinali ed è stato anche collegato al miglioramento della depressione. Come con qualsiasi altro integratore, se decidiamo di inserire l’olio di fegato di merluzzo nella nostra alimentazione, dovrebbe sempre essere consumato sotto la prescrizione di un professionista.

4. Funghi

Uno studio condotto dalla Boston University indica che i funghi esposti al sole contengono tanta vitamina D quanto qualsiasi integratore. La ricerca indica che, come il corpo, i funghi esposti al sole per 30-60 minuti trasformano i raggi ultravioletti in vitamina D, che non viene persa durante la cottura. Il fungo Portobello sottoposto a radiazioni ultraviolette viene solitamente utilizzato, infatti, negli integratori di vitamina D.

5. Latte e derivati

Con un apporto moderato se li confrontiamo con il pesce, i latticini contengono anch’essi vitamina D.

6. Noci

Le noci sono noci di vitale importanza nella dieta, poiché “hanno un ruolo chiave nelle membrane cellulari, in modo tale da migliorare la salute della pelle e dei capelli e sono utili da tenere a bada il colesterolo, trigliceridi e ipertensione, oltre a contenere vitamina D, anche se a livelli moderati.

Avviso:

Il materiale in questo sito ha lo scopo di essere di uso informativo generale e non intende costituire un consiglio medico, una diagnosi probabile o trattamenti raccomandati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *