Formicolio ai piedi, cause e cosa fare

By | Marzo 10, 2022
Formicolio ai piedi

Il formicolio ai piedi e alle gambe può verificarsi a causa di un cattivo posizionamento del corpo, ma può anche essere un’ernia del disco, diabete o sclerosi multipla. Può anche manifestarsi con una frattura o un morso di animale. È importante consultare il medico se il formicolio si verifica frequentemente o se è associato ad altri sintomi come mal di schiena, debolezza, diminuzione o mancanza di sensibilità e crampi.

Una volta valutati i segni e i sintomi, il medico può determinare se sono necessari ulteriori test per aiutare a identificare la causa del formicolio alle gambe e ai piedi. Da qui, è possibile avviare il trattamento e in alcuni casi può comportare l’uso di farmaci o interventi chirurgici.

Formicolio ai piedi, cause e cosa fare

Leggi anche: Sapore amaro in bocca: cause e cosa fare

1. Cattivo posizionamento del corpo 

Una delle cause più comuni di formicolio ai piedi e gambe è sedersi, sdraiarsi o stare in piedi in una posizione prolungata. Il formicolio può verificarsi quando si è seduti sopra il piede, ad esempio, a causa della diminuzione della circolazione e della compressione del nervo locale. 

Cosa fare: idealmente dovresti cambiare posizione frequentemente e fare stretching almeno una volta al giorno per stimolare la circolazione. Dovresti anche fare delle pause dal camminare o stare in piedi se stai seduto per lunghi periodi, come al lavoro o in aereo.

2. Ernia del disco 

Un’ernia del disco consiste in una debolezza del disco intervertebrale. Provoca sintomi come mal di schiena e intorpidimento spinale, che possono irradiarsi alle gambe e alle dita dei piedi e causare formicolio. 

Cosa fare: è importante consultare un medico per indicare un trattamento appropriato, che può prevedere l’uso di analgesici, miorilassanti o antinfiammatori per ridurre il dolore e l’infiammazione. La fisioterapia e la chirurgia possono essere utilizzate nei casi più gravi.

3. Neuropatia periferica 

La neuropatia periferica è caratterizzata da alterazioni dei nervi nel corpo. Può provocare dolore intenso, formicolio ai piedi e alle mani, debolezza e diminuzione della sensibilità ad alcune parti specifiche del corpo. 

Cosa fare: il trattamento è solitamente volto ad alleviare i sintomi e a trattare la malattia sottostante che causa la neuropatia. Può consistere in sollievo dal dolore attraverso l’uso di farmaci e fisioterapia per riabilitare le aree colpite.

4. Attacchi di panico, ansia e stress

Situazioni stressanti e ansia estrema possono causare sintomi come formicolio alle mani, braccia, lingua e gambe, sudorazione fredda, palpitazioni, dolore toracico e dolore addominale. 

Cosa fare: in questi casi, dovresti cercare di rimanere calmo e respirare profondamente per migliorare la circolazione sanguigna. Se ciò non è possibile, dovresti consultare il medico per un trattamento più specifico. Puoi anche provare alcuni rimedi casalinghi per curare l’ansia a casa.

Leggi anche: Dolore al petto lato destro, cause e rimedi

5. Sclerosi multipla

La sclerosi multipla è una condizione cronica caratterizzata da infiammazione. Distrugge la guaina mielinica che copre e protegge i neuroni, e interferisce con la trasmissione degli impulsi elettrici. Questo può influenzare i movimenti del corpo, come parlare o camminare, e alla fine il paziente è costretto a letto. Oltre a sentire formicolio alle estremità, questa condizione può anche causare contrazioni muscolari e difficoltà a camminare. 

Cosa fare: la sclerosi multipla non ha una cura e il trattamento spesso dura tutta la vita. Può consistere in farmaci che riducono la progressione della malattia come interferone, fingolimod, natalizumab e glatiramer acetato. I corticosteroidi possono ridurre l’intensità e il tempo delle riacutizzazioni. Altri farmaci che possono aiutare con i sintomi associati sono analgesici, miorilassanti e antidepressivi.

6. Beriberi

Il beriberi è una malattia causata da bassi livelli di vitamina B1 (tiamina). Può causare sintomi come crampi muscolari, visione doppia, confusione e formicolio alle mani e ai piedi. 

Cosa fare: il trattamento di questa condizione consiste nell’integrazione di vitamina B1, nell’eliminazione dell’alcol nella dieta e nell’aumento dell’assunzione di cibo con B1, come farina d’avena, semi di girasole e riso.

Leggi anche: Proprietà e benefici della vitamina B1

7. Fratture

Durante il trattamento di una frattura, l’osso interessato deve essere immobilizzato per un po’ di tempo. L’immobilizzazione può causare un po’ di formicolio nell’area. Il formicolio alle gambe si verifica più frequentemente con le fratture dell’anca. 

Cosa fare: una cosa che può aiutare a ridurre la sensazione di formicolio per mantenere l’osso colpito leggermente sollevato. Se la posizione risulta scomoda, dovresti consultare il medico. 

8. Diabete 

Il diabete può causare una cattiva circolazione, soprattutto alle estremità, come mani e piedi. Il formicolio può essere un segno dello sviluppo di una ferita o di un’ulcera ai piedi o alle mani. 

Cosa fare: in questi casi, è importante gestire adeguatamente i livelli di zucchero nel sangue. Fare attenzione all’alimentazione e camminare per almeno 30 minuti al giorno per favorire la circolazione in tutto il corpo. 

9. Sindrome di Guillain-Barré

La sindrome di Guillain-Barré è una grave malattia neurologica caratterizzata da infiammazione dei nervi e debolezza muscolare che possono portare alla morte. Nella maggior parte dei casi, viene diagnosticata a seguito di un’infezione virale, come la dengue o la siza. Uno dei sintomi più comuni è il formicolio e la perdita di sensibilità alle braccia e alle gambe. 

Cosa fare: normalmente, il trattamento viene eseguito in ospedale filtrando il sangue per rimuovere gli anticorpi che stanno attaccando il sistema nervoso, gli anticorpi possono essere iniettati per combattere gli anticorpi che attaccano i nervi per ridurre l’infiammazione. 

10. Morsi di animali

Le punture di animali e insetti di api, serpenti o ragni, ad esempio, possono causare formicolio locale. I morsi possono anche causare sintomi come gonfiore, febbre e bruciore.

Cosa fare: la prima cosa da fare è cercare di identificare l’animale o l’insetto che ti ha morso. Lavare bene l’area e recarsi in ospedale il prima possibile. 

11. Aterosclerosi

L’aterosclerosi è caratterizzata dall’accumulo di placche di grasso nei rivestimenti dei vasi arteriosi. Si manifesta gradualmente nel tempo e può bloccare il flusso sanguigno, causando un infarto o un ictus. La maggior parte dei sintomi si verifica solo quando i vasi arteriosi sono completamente bloccati. I sintomi possono includere dolore toracico, difficoltà respiratorie, dolore alle gambe, affaticamento, formicolio e debolezza muscolare nell’area con scarsa circolazione. 

Cosa fare: per alleviare i sintomi dell’aterosclerosi e prevenire lo sviluppo di altre malattie cardiache, è importante fare attenzione all’alimentazione, consumando cibi meno grassi e zuccherati. Dovresti anche impegnarti in una regolare attività fisica. Si consiglia di consultare un medico non appena si notano sintomi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.