Dolore al petto, cause e trattamento

By | Agosto 26, 2022
Dolore al petto

Il dolore al petto può insorgere nella parte superiore del corpo per una serie di motivi, tra cui problemi cardiaci. Può essere intenso, doloroso o acuto, oltre ad altre sensazioni. Può estendersi alla schiena e alle braccia. Il dolore toracico deve essere sempre preso sul serio e consultato rapidamente da un medico. Le cause del dolore toracico possono variare dal bruciore di stomaco o dalla polmonite all’infarto. Che cos’è il dolore toracico? Il dolore al petto è un dolore in qualsiasi zona del torace. Può estendersi ad altre zone, come le braccia, il collo o la mascella. Il dolore al petto può essere acuto o sordo. Si possono avvertire fitte, dolori o la sensazione di essere schiacciati o compressi. Il dolore al petto può durare pochi minuti o ore. In alcuni casi può durare sei mesi o più. Come si sente il dolore al torace? L’angina, un tipo di dolore al petto, si verifica quando il cuore non riceve abbastanza sangue ricco di ossigeno. L’angina è un sintomo di un problema cardiaco. Spesso peggiora durante lo sforzo e migliora quando si è a riposo. L’angina può: sensazione di pressione o compressione nel petto, provocano fastidio a spalle, braccia, mascella, collo e schiena. Sensazione simile a un’indigestione.


Leggi anche: Dolori addominali, cause e trattamento

Dolori al petto, le cause

Quali sono le cause più comuni delle fitte al petto? Sebbene la maggior parte delle persone pensi al dolore toracico come a un segno di un problema cardiaco o di un attacco di cuore, molte cose possono causarlo. Il dolore al petto può essere un sintomo di:

Problemi cardiaci e vascolari (dolore al petto a sinistra)

  1. Attacco di cuore. Il muscolo cardiaco muore quando non riesce a ricevere ossigeno a sufficienza a causa di un’ostruzione dell’arteria coronaria che gli fornisce il sangue.
  2. Malattia coronarica. L’accumulo di colesterolo può restringere e bloccare i vasi sanguigni che portano il sangue al cuore. In genere la situazione peggiora con l’esercizio fisico, perché non arriva abbastanza sangue al muscolo cardiaco e le arterie coronarie sono ostruite.
  3. Dissezione dell’arteria coronaria. La parete di un’arteria coronarica può lacerarsi, creare un rigonfiamento e bloccare l’arteria. Questo provoca pressione o dolore al petto e può portare a un attacco cardiaco.
  4. Pericardite. Un’infezione o un’altra causa può provocare un’infiammazione del rivestimento intorno al cuore, causando un dolore acuto al petto. Il dolore può estendersi alla spalla e al braccio sinistro. Il dolore può essere peggiore quando si è sdraiati e peggiora quando si fanno respiri profondi.
  5. Cardiomiopatia ipertrofica. Le pareti muscolari dei ventricoli (o camere cardiache inferiori) diventano spesse e rigide. Con questo problema, non è possibile far entrare o uscire abbastanza sangue dalle camere cardiache e il cuore fa più fatica a ricevere sangue ricco di ossigeno. La cardiomiopatia ipertrofica si verifica di solito a causa di un problema nei geni trasmessi dai genitori.
  6. Dissezione aortica. Una lacerazione può verificarsi nella parete dell’aorta, facendo sì che gli strati della parete si separino l’uno dall’altro. Questo dolore molto forte si manifesta senza preavviso, con la sensazione di uno strappo, e viene spesso avvertito nel petto, nella schiena e tra le scapole.
  7. Aneurisma aortico. Il sangue che spinge contro una parte debole della parete dell’aorta può provocarne il rigonfiamento. Senza un trattamento, questo punto debole può rompersi e causare forti dolori al petto o all’addome. La rottura di un aneurisma aortico è un’emergenza che richiede un trattamento immediato.
  8. Prolasso della valvola mitrale. La valvola che fa scorrere il sangue tra l’atrio sinistro e il ventricolo sinistro potrebbe non chiudersi completamente a ogni battito del cuore. Questo permette al sangue di tornare nella camera che ha appena lasciato.

Problemi digestivi (dolore al petto a destra)

  1. Calcoli biliari. Costituiti per lo più da colesterolo, i calcoli biliari possono ostruire i condotti in cui il liquido che aiuta la digestione (la bile) deve viaggiare per raggiungere l’intestino tenue. L’ingrossamento della cistifellea fa male sotto le costole sul lato destro. Si tratta di un dolore estremo che può durare molte ore.
  2. Ernia iatale. Di solito, per un motivo sconosciuto, una parte dello stomaco può passare attraverso un’apertura del muscolo diaframmatico che normalmente è riservata all’esofago. Questo riduce l’afflusso di sangue allo stomaco. Le persone affette da ernia iatale hanno spesso difficoltà a deglutire.
  3. Gastrite. L’infiammazione della mucosa dello stomaco, dovuta a diverse cause, può provocare un dolore alla parte inferiore sinistra del torace. Si può anche avere mal di stomaco e vomitare.
  4. Pancreatite. L’infiammazione del pancreas può provocare un forte dolore nella parte superiore dell’addome. Può anche provocare nausea e vomito.

Problemi polmonari (dolore toracico sinistro o destro)

  1. Embolia polmonare. Un coagulo di sangue proveniente da un’altra parte del corpo può rimanere bloccato in un’arteria polmonare all’interno del polmone. È probabile che si verifichi anche una mancanza di respiro. Le persone affette da embolia polmonare spesso descrivono un dolore acuto che peggiora quando si respira.
  2. Broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). I problemi ai sacchi aerei e/o al rivestimento delle vie aeree rendono difficile la respirazione. Il petto può essere stretto e il respiro può essere corto.
  3. Polmonite. Se le difese non sono abbastanza forti, si può contrarre un’infezione ai polmoni. Questa infezione può far male a entrambi i lati del torace, ma anche avere febbre, brividi e tosse con muco.
  4. Pleurite. Un’infezione e/o un’infiammazione della membrana che circonda i polmoni provoca un dolore toracico acuto che peggiora quando si tossisce o si respira profondamente. È possibile che si avverta anche un dolore alla spalla.
  5. Pneumotorace (polmone collassato). L’aria può penetrare tra gli strati del tessuto che ricopre i polmoni, causando il collasso di una parte o di tutti i polmoni. Senza preavviso, si può avvertire un dolore acuto al petto ed eventualmente al collo e alla spalla.
  6. Ipertensione polmonare. Diversi disturbi possono causare un’elevata pressione sanguigna nelle arterie polmonari, che portano il sangue ai polmoni per scambiare l’anidride carbonica con l’ossigeno. Si avverte dolore al petto perché il cuore fa più fatica a spingere il sangue attraverso i vasi sanguigni ristretti dall’ipertensione.
  7. Asma. Gli allergeni o le sostanze irritanti possono restringere temporaneamente le vie respiratorie, rendendo difficile la respirazione. Si può avvertire una sensazione di oppressione al petto e anche tosse o respiro affannoso.

Problemi muscoloscheletrici (dolore toracico al lato sinistro o al lato destro)

  1. Costola rotta. Gli incidenti possono provocare la rottura delle costole che proteggono il torace. Questo fa molto male, soprattutto quando si fanno respiri profondi. Il dolore si protrae per diverse settimane.
  2. Distorsione del muscolo toracico. Le lesioni possono provocare strappi nei muscoli che causano dolore, soprattutto quando ci si muove. Possono anche verificarsi gonfiori e lividi.

Leggi anche: Distensione addominale, cause e rimedi

Problemi muscoloscheletrici (dolore al petto centrale)

Costocondrite. L’infiammazione può verificarsi nella cartilagine che collega la maggior parte delle costole allo sterno. Questo può causare un dolore acuto al petto che peggiora durante la tosse o la respirazione profonda.

Altri problemi (dolore toracico al lato sinistro o al lato destro)

  1. Scandole. Il virus della varicella che si aveva da bambini può riattivarsi più tardi nella vita, di solito nelle persone di età superiore ai 50 anni. Come l’herpes zoster, questo virus provoca un’eruzione cutanea dolorosa che si manifesta sulla parte superiore del corpo. Di solito si sviluppa in una determinata parte del torace e tipicamente solo su un lato.
  2. Cancro al polmone. Il dolore al petto causato dal cancro ai polmoni è più intenso quando si tossisce, si ride o si fa un respiro profondo.

Altri problemi (dolore al centro del petto)

Attacco di panico. Una sensazione di ansia e paura inaspettata e di breve durata può portare con sé dolore al petto. Un attacco di panico può sembrare un attacco di cuore e può includere altri sintomi simili.

Male al petto, trattamento

Come viene trattato il dolore toracico? Il trattamento del dolore toracico dipende dalla causa del dolore. Se la causa del dolore toracico è un attacco cardiaco, il paziente riceverà un trattamento d’emergenza non appena chiederà aiuto. Questo può includere farmaci e una procedura o un intervento chirurgico per ripristinare il flusso sanguigno al cuore. Se la causa del dolore toracico è una patologia non cardiaca, il medico parlerà con il paziente delle opzioni di trattamento. A seconda della malattia e del suo grado di gravità, potrebbe consigliare, modifiche dello stile di vita.
Farmaci. Chirurgia.

Come si può prevenire il fastidio al petto? È possibile ridurre il rischio di malattie cardiache, vascolari e di altro tipo seguendo uno stile di vita sano. Questo include: Una dieta sana. Il vostro medico o dietologo registrato può aiutarvi a creare un piano alimentare adatto a voi.
Gestire le condizioni di salute, come la pressione alta, il colesterolo alto e il diabete. Fare esercizio fisico la maggior parte dei giorni della settimana. Raggiungere e mantenere un peso sano. Limitare la quantità di alcolici bevuti. Non utilizzare prodotti del tabacco.

Leggi anche: Dolore al petto destro, cause e rimedi

Quando chiamare il medico?

Come faccio a sapere se il mio dolore al petto è grave? Chiamate il 118 o fatevi accompagnare subito al pronto soccorso più vicino se avete un dolore al petto che dura più di cinque minuti e non scompare con il riposo o l’assunzione di farmaci. Il dolore toracico cardiaco può essere pericoloso per la vita. Il dolore al petto può essere un segno di attacco cardiaco. Altri segni di attacco cardiaco sono:


  1. Sudorazione.
  2. Nausea o vomito.
  3. Respiro affannoso.
  4. Sbalordimento o svenimento.
  5. Battito cardiaco rapido o irregolare.
  6. Dolore alla schiena, alla mascella, al collo, all’addome superiore, al braccio o alla spalla.

Cosa fare in caso di dolore al petto?

Non ignorare nessun tipo di dolore al petto e non evitare di farsi curare. Se il dolore al petto è nuovo, insorge all’improvviso o dura più di cinque minuti dopo il riposo o l’assunzione di farmaci, chiamare il 911 o farsi accompagnare al pronto soccorso più vicino. Se il dolore al petto scompare o va e viene, rivolgetevi al più presto a un medico per scoprire la causa del dolore, anche se non è grave.

Il dolore al petto è normale? No. Il dolore al petto non è normale. In caso di dolore al petto, contattare subito il medico o il 118.

Anche se la maggior parte delle persone pensa a un attacco di cuore quando pensa al dolore in mezzo al petto, ci sono molte altre condizioni che causano dolore al petto. Conoscete i segni di un attacco cardiaco e rivolgetevi a un medico non appena iniziate ad avvertire il dolore. Prendete nota di ciò che stavate facendo quando si è manifestato il dolore al petto, in modo da poterlo riferire al vostro operatore sanitario. La capacità di descrivere il tipo di dolore e il luogo in cui lo si avverte può aiutare il medico a formulare una diagnosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *