Dolore addominale lato destro: cause e cosa fare

By | Marzo 4, 2022
Dolore addominale lato destro

Il dolore addominale lato destro in genere non è grave e di solito è solo un segno di accumulo di gas nell’intestino. Tuttavia, può essere un problema se il dolore è molto intenso o se dura a lungo, poiché può indicare un problema di salute come appendicite o calcoli alla cistifellea.

Ogni volta che si verifica dolore, dovresti prendere nota di quando si verifica e monitorare eventuali altri sintomi che accompagnano tale condizione, se si irradia in altre aree o se peggiora o migliora con qualsiasi cosa. Queste informazioni possono essere utili al medico per fare una diagnosi e avviare interventi appropriati. Le cause più comuni di dolore addominale lato destro includono:

1. Accumulo di gas

Il dolore addominale lato destro può essere semplicemente il risultato della distensione dell’intestino causata dal gas. Questo problema può sorgere in persone di tutte le età, dai bambini agli anziani. Normalmente, questo tipo di dolore è forte e sembra un crampo e di solito compare dopo un pasto. Questo sintomo è comune anche in gravidanza, specialmente nel terzo trimestre, poiché la stitichezza e altre irregolarità influenzano la normale funzione intestinale.

Altri sintomi: gonfiore, perdita di appetito, sensazione di pesantezza allo stomaco, aumento di rutti o flatulenza e sensazione di sazietà. Il dolore gas-correlato può essere costante e può peggiorare per brevi istanti.

Cosa fare: bere molta acqua è importante per regolare la funzione intestinale e facilitare la normale digestione, tuttavia in alcuni casi un medico può consigliare lassativi come lattulosio, idrossido di magnesio o bisacodile.

Leggi anche: Latte e gastrite, è tutto vero?

2. Sindrome dell’intestino irritabile (IBS)

Le persone con IBS di solito avvertono dolore addominale o crampi che possono essere costanti o transitori. Il disagio è generalmente alleviato dopo un movimento intestinale.

Altri sintomi: oltre al dolore addominale, possono verificarsi anche diarrea, costipazione, gonfiore e gas. La causa esatta dell’IBS non è nota, ma è comunemente osservata in persone con ansia, depressione o disturbi mentali.

Cosa fare: dovresti andare dal medico per valutare il tuo dolore ed escludere altre cause in modo da poter iniziare il trattamento. Il medico può farti domande sul tuo dolore (ad es. come inizia di solito o quanto è forte) e sulla qualità delle tue feci. Oltre a prescrivere farmaci come la scopolamina (che può aiutare con i crampi), di solito sono indicati cambiamenti nella dieta. Questi aggiustamenti dietetici possono includere mangiare porzioni più piccole, mangiare i pasti più lentamente ed evitare determinati alimenti come fagioli, cavoli e altri carboidrati fermentabili.

Leggi ancheFeci piatte, simili a nastri: cause e trattamento

3. Calcoli della cistifellea

Il dolore nella zona addominale lato destro può anche indicare un calcolo della cistifellea. Di solito inizia come un crampo nell’addome in alto a destra o nella zona dello stomaco e può durare da minuti a ore. Molte volte, questo dolore può irradiarsi sul lato sinistro o intorno alla schiena. Può essere molto brutto e dare la sensazione di indigestione.

Altri sintomi: in alcuni casi, i calcoli alla cistifellea possono anche causare perdita di appetito, nausea e vomito. I calcoli della cistifellea che si accumulano e causano infiammazione nella cistifellea possono anche provocare febbre, brividi e pelle o occhi gialli.

Cosa fare: dopo aver confermato un calcolo della cistifellea attraverso un’ecografia, il calcolo può essere rimosso per via laparoscopica. È importante sapere che la chirurgia non è sempre necessaria; la presenza di calcoli alla cistifellea senza sintomi, ad esempio, non richiede un intervento chirurgico. La chirurgia è in genere indicata per le persone che sono diabetiche o hanno un sistema immunitario compromesso, o nei casi con calcoli alla cistifellea molto grandi o dove la cistifellea è significativamente calcificata. 

4. Appendicite

L’appendicite può causare un dolore addominale lato destro che inizia come un crampo intorno all’ombelico o nella zona dello stomaco. Dopo circa 6 ore, l’infiammazione peggiora e il dolore diventa più forte. Diventa più pronunciato nell’addome inferiore, solitamente vicino all’inguine

Altri sintomi: possono esserci anche perdita di appetito, nausea, vomito, diarrea, costipazione, febbre superiore a 40ºC, aumento del dolore alla palpazione dell’addome inferiore destro e costrizione addominale.

Cosa fare: se si sospetta un’appendicite, si consiglia di consultare immediatamente un medico. Molte volte, è necessario un intervento chirurgico per rimuovere l’appendice.

5. Epatite acuta

Il dolore addominale sul lato destro del corpo, in particolare nella parte superiore dell’addome, è un sintomo comune di epatite. L’epatite è un gonfiore del fegato che può essere causato da numerose ragioni come infezioni batteriche o virali, alcolismo, uso di farmaci, malattie autoimmuni o malattie degenerative.

Altri sintomi: L’epatite può anche causare nausea, vomito, perdita di appetito, mal di testa, urine scure, pelle o occhi gialli o feci chiare.

Cosa fare: con l’epatite è necessario riposare, mantenere l’idratazione ed evitare cibi difficili da digerire. Il medico può prescrivere farmaci, come l’interferone (per l’epatite C) o immunosoppressori (per i disturbi autoimmuni).

Leggi anche: Epatite alcolica: sintomi, cause e cure

6. Pancreatite

Il dolore associato alla pancreatite si trova solitamente nella parte superiore dell’addome e si irradia alla schiena e alla spalla sinistra. Può verificarsi poco dopo aver consumato alcolici o dopo un pasto.

Altri sintomi: questo dolore può essere accompagnato da nausea, vomito, febbre, bassa pressione sanguigna, una massa palpabile nella zona interessata e pelle gialla.

Cosa fare: se si sospetta la pancreatite, è necessario consultare immediatamente un medico. Possono essere richiesti test come un’ecografia o una TAC e il trattamento potrebbe includere analgesici e antibiotici. In alcuni casi, la chirurgia potrebbe essere il modo migliore per trattare la pancreatite.

7. Dolore mestruale

Alcune donne potrebbero avere dolore all’ovaio che sta ovulando attivamente. Ciò si verifica in genere nel mezzo del ciclo mestruale. Il dolore non è molto intenso, ma può durare per giorni. Poiché l’ovulazione si verifica su ovaie alternate (ad es. un mese sul lato sinistro, il mese successivo sul lato destro), le donne di solito hanno un’idea di quale lato sta ovulando a causa del disagio provato. Si può avvertire ulteriore dolore se le donne hanno anche una storia di endometriosi o cisti ovariche, o se la donna sta vivendo una gravidanza extrauterina.

Questo tipo di dolore è previsto e, sebbene a volte possa diventare intenso, di solito non è grave.

Altri sintomi: il dolore addominale correlato a un ciclo mestruale può spesso sembrare un dolore contorto, acuto o crampiforme. In un ciclo di 28 giorni, in genere si verifica 14 giorni prima di un ciclo.

Cosa fare: poiché questo dolore dura in genere circa un giorno, potresti provare sollievo semplicemente assumendo un analgesico, come il paracetamolo, o un antinfiammatorio, come l’ibuprofene. Se hai altri dubbi, invece, chiedi il parere di un ginecologo.

Puoi anche alleviare il dolore addominale con opzioni non farmacologiche, come l’applicazione di un impacco caldo o l’assunzione di rimedi naturali a base di erbe

8. Calcoli renali

La presenza di calcoli nei reni o nella vescica può ostruire il flusso di urina e causare dolore da moderato a intenso. Di solito il dolore si fa sentire sul lato colpito e può irradiarsi alla schiena o ai genitali. Il dolore può spesso iniziare come lieve. E’ comune tra i 30 ei 60 anni di età e ha un’uguale presenza sia negli uomini che nelle donne.

Altri sintomi: oltre al dolore, i calcoli renali possono anche causare nausea, vomito, brividi, dolore durante la minzione, sanguinamento durante la minzione e persino febbre se è presente un’infezione.

Cosa fare: dovresti consultare un medico ed essere valutato se hai uno dei sintomi di cui sopra. Il medico può prescrivere antinfiammatori, analgesici e farmaci anticolinergici per alleviare i sintomi

Quando andare in ospedale

I segnali di pericolo che indicano la necessità urgente di recarsi in ospedale includono:

  • Qualsiasi dolore improvviso, molto forte, localizzato in un punto specifico o che peggiora nel tempo
  • Febbre o qualsiasi difficoltà respiratoria
  • Ipertensione, tachicardia, sudori freddi o malessere generale
  • Vomito e diarrea che non si risolvono

In questi casi, oltre a valutare tutti i segni e sintomi, il medico può prescrivere esami diagnostici come ultrasuoni o scansioni TC.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.