Cosa mangiare se hai l’anemia

By | Gennaio 18, 2022
Cosa mangiare se hai l'anemia

Le carni rosse sono le più consigliate nei casi di anemia e si sconsiglia di consumare quantità eccessive di calcio perché ostacola l’assorbimento del ferro. L’anemia è una condizione molto comune nelle persone, in particolare nelle donne in età fertile che perdono molto sangue durante le mestruazioni


Nello specifico, l’anemia si verifica quando i livelli di emoglobina o globuli rossi nel nostro organismo sono al di sotto della norma e sebbene non sia una malattia eccessivamente pericolosa, è necessario combatterla il prima possibile affinché non porti a grossi problemi. L’anemia è causata dalla mancanza di assunzione di ferro o dalla sua perdita e le persone che ne soffrono dovrebbero rivolgersi al medico per seguire il miglior trattamento.

Tuttavia, con la tua dieta puoi far scomparire questa condizione molto più velocemente, poiché con una dieta ricca di ferro fornirai i nutrienti necessari per rafforzare il tuo corpo. D’altra parte, anche se non si soffre di anemia, si consiglia sempre di mantenere il proprio corpo forte per sentirsi resistenti e affrontare ogni giorno. Ecco perché è importante che tu sappia quali alimenti sono i più ricchi di ferro per introdurli nella tua routine alimentare.

5 alimenti ricchi di ferro per combattere l’anemia

Carne

La carne è la base importante nella dieta mediterranea. I nutrizionisti consigliano di mangiarla due o tre volte a settimana, tuttavia è molto efficace nel combattere l’anemia grazie al suo alto contenuto di ferro. Nello specifico, le carni rosse sono quelle che contengono la maggior quantità di ferro eme, cioè di origine non vegetale, essendo più facilmente assorbite dal nostro organismo. Inoltre, questo tipo di carne è un ottimo alleato per le diete visto il suo alto contenuto proteico e il basso contenuto di grassi.

Manzo, quello con più ferro

La carne di manzo è considerata la più indicata per i casi di anemia, anche se funzionano anche carne di maiale, pollo e tacchino. Tuttavia, pernice e quaglia contengono livelli più elevati di ferro, sebbene di solito sia più costosa e quindi meno consumata. Allo stesso modo, i visceri sono generalmente le parti degli animali con il più alto contenuto di questo minerale, come il fegato o i rognoni, che possono essere cucinati anche nelle minestre. Una grande fonte di ferro sarebbe il sanguinaccio, fatto con il sangue degli animali.

Legumi, cereali e noci con ferro

I legumi sono noti per la loro ricchezza di ferro, in particolare le lenticchie. Tuttavia, dovresti sapere che le fave sono quelle che contengono la dose più alta di questo minerale: circa 9 milligrammi per 100. In generale, tutti i legumi sono altamente consigliati, come ceci, fagioli, piselli o fagioli perché sono un’ottima opzione poiché ci sono molti modi per cucinarli, stufati o all’insalata.

I cereali sono anche ottimi alleati per le diete che ricercano un alto contenuto di ferro. Inoltre, sono una buona idea da includere nella colazione e aiutano anche a regolare il transito intestinale nel nostro corpo. Tra i più resistenti ci sono amaranto, semi di lino, avena, crusca, seitan, quinoa, farro e avena. Tutti questi cereali sono compresi tra 4 e 8 milligrammi di ferro per 100.


Per quanto riguarda le noci, sebbene non se ne debba abusare perché fonte di grasso, un piccolo consumo giornaliero può essere molto benefico per l’organismo umano e non solo per aumentare i livelli di emoglobina. Mandorle, semi di girasole, pinoli e noci sono i migliori per questo caso ed è meglio mangiarli crudi, senza essere stati fritti, come di solito si vendono nei supermercati.

Verdure e ortaggi

Nelle verdure possiamo trovare una grande fonte di ferro, soprattutto nelle verdure a foglia verde. Rientrano in questo gruppo le bietole, i broccoli, la lattuga, i cavolini di Bruxelles, il sedano e la rucola. Ci sono anche gli spinaci, l’ortaggio protagonista nei casi di anemia che fornisce ferro vegetale, nello specifico 4 milligrammi per 100 consumati. Inoltre, potresti essere sorpreso di sapere che il prezzemolo ha livelli eccellenti di questo minerale, circa 8 milligrammi. Sebbene non si possa fare una dieta a base di prezzemolo, questa erba può essere ideale per insalate o condimenti in qualsiasi piatto.

Pesce e frutti di mare ai ferri

L’assunzione di pesce è molto importante nella routine alimentare di chiunque poiché forniscono molti minerali al corpo umano oltre al ferro e si consiglia di consumarlo almeno tre o quattro volte a settimana. Le migliori opzioni per aumentare l’emoglobina nel sangue sono sardine, palamita, tonno, nasello, sgombro e acciuga

Tuttavia, molluschi e crostacei sono gli animali marini con il più alto contenuto di questo minerale. Ad esempio, le vongole o le vongole hanno 14 milligrammi di ferro ogni 100, costituendo così una grande fonte di ferro per il nostro organismo. Spiccano anche gamberi e cozze.

Si consiglia alle donne di assumere 18 milligrammi di ferro al giorno, quindi come puoi vedere, con questi alimenti puoi raggiungere queste quantità personalizzando una dieta ricca di questo minerale. 

Inoltre, dovresti sapere che un ottimo alleato per facilitarne l’assorbimento nel nostro organismo è la vitamina C presente negli agrumi, quindi un succo d’arancia o di limone sarà sempre una buona idea per completare la tua dieta. D’altra parte, il calcio ostacola l’assorbimento del ferro, quindi è meglio ridurre il consumo di alimenti con questo nutriente se vuoi sentirti più forte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *