Come fermare il ciclo: 6 modi sicuri per farlo

By | Marzo 10, 2022
Come fermare il ciclo

È possibile fermare il ciclo di alcuni giorni o mesi con l’uso di pillole di etinilestradiolo-noretisterone, una pillola contraccettiva o un dispositivo intrauterino ormonale (IUD). Tuttavia, nessuna di queste opzioni può bloccare il ciclo una volta che le mestruazioni sono iniziate. Non è consigliabile fermare il ciclo con acqua salata, acqua con aceto, la pillola del giorno dopo o ibuprofene poiché questi metodi non sono scientificamente dimostrati efficaci e possono essere dannosi per la salute.

Ognuno di questi metodi può causare cambiamenti ormonali, che potrebbero causare cicli irregolari. Se vuoi ritardare il ciclo in modo permanente, è meglio parlare con il tuo ginecologo in modo che possa consigliarti il ​​modo migliore per farlo.

Leggi anche: Dolore al petto lato destro, cause e rimedi

Come fermare il ciclo

Anche se non esiste un metodo sicuro ed efficace per fermare il ciclo, o per bloccarlo una volta che è già iniziato, ci sono modi per modificarne i tempi prima o poi di alcuni giorni o mesi. Questi metodi includono.

1. Pillole di etinilestradiolo-noretisterone

L’etinilestradiolo-noretisterone è un farmaco tipicamente usato per trattare il sanguinamento uterino irregolare, ma può anche essere usato per fermare o ritardare il ciclo sotto controllo medico. Questo farmaco agisce mantenendo alti livelli di progesterone ed estrogeni nel flusso sanguigno, che impediranno l’ovulazione e ritarderanno il ciclo.

2. Pillola contraccettiva

Se stai assumendo una pillola contraccettiva, potresti fermare le mestruazioni per un mese. Per fare ciò, devi prendere due confezioni una dopo l’altra (cioè iniziare una nuova confezione subito dopo aver terminato l’ultima pillola della confezione attuale). Si noti che ci sono alcune pillole contraccettive in cui le ultime pillole sono placebo (confezione da 28 giorni). Le ultime pillole di questi pacchetti sono generalmente di un altro colore. 

Se stai assumendo una pillola contraccettiva di 28 giorni e stai cercando di ritardare il ciclo, salta le pillole placebo e inizia immediatamente con la prima pillola della confezione successiva. Prendendo due confezioni una dopo l’altra, i livelli di estrogeni e progesterone rimarranno elevati permettendoti di saltare il ciclo.

3. Pillola anticoncezionale ad uso continuo 

Una pillola anticoncezionale a uso continuo può bloccare il ciclo per diversi mesi, poiché mantiene alti i livelli di progesterone ed estrogeni e impedisce la muta del rivestimento dell’utero. Con questo tipo di pillola contraccettiva possono verificarsi macchie, soprattutto nei primi tre mesi di utilizzo.

4. IUD ormonali

Uno IUD ormonale, come il Mirena, riduce la quantità di sangue persa durante il ciclo e, in alcuni casi, può fermare del tutto l’emorragia. Ciò accade a causa dell’ormone che si trova tipicamente negli IUD chiamato levonorgestrel, che funziona in modo molto simile al progesterone (un ormone prodotto dalle ovaie). Il levonorgestrel rende il liquido vaginale più denso e modifica il rivestimento uterino, prevenendo la gravidanza e interrompendo il ciclo.

Leggi anche: Sale iodato, proprietà, benefici ed effetti indesiderati

5. Iniezioni contraccettive

Un’iniezione contraccettiva che contiene progesterone può ridurre significativamente e persino prevenire completamente il sanguinamento mestruale. Queste sono generalmente somministrate ogni tre mesi. L’iniezione di progesterone inibisce l’ovulazione e altera il rivestimento uterino, prevenendo la gravidanza. Poiché fanno sì che il corpo mantenga livelli elevati di progesterone, questo metodo può anche ritardare o interrompere un ciclo.

6. Impianti contraccettivi

Un impianto contraccettivo applicato per via sottocutanea rilascerà continuamente progesterone, che fa sì che il corpo abbia livelli ormonali elevati. Ciò ridurrà il sanguinamento mestruale e può anche bloccare il ciclo.

Un impianto contraccettivo interrompe l’ovulazione e aumenta lo spessore del liquido vaginale, rendendo più difficile il viaggio dello sperma. L’impianto contraccettivo è una piccola asta flessibile che un ginecologo posiziona sotto la pelle del braccio. È efficace per tre anni. 

Come bloccare il ciclo in modo permanente

Per interrompere definitivamente un ciclo, puoi sottoporti a un intervento chirurgico per rimuovere l’utero, noto come isterectomia. Esiste anche una procedura che rimuove una parte interna dell’utero, nota come ablazione endometriale. Queste procedure sono permanenti e quindi è importante che un ginecologo valuti quale metodo è meglio per te.

1. Isterectomia

Un’isterectomia è un intervento chirurgico eseguito per rimuovere l’utero, che interromperà il ciclo, ma ti impedirà anche di rimanere incinta. Questa procedura chirurgica viene solitamente eseguita in situazioni gravi come il cancro dell’endometrio o del collo dell’utero. Questa opzione dovrebbe essere discussa con un medico, poiché è permanente e irreversibile.

Leggi anche: Dolore addominale lato destro: cause e cosa fare

2. Ablazione endometriale

Un’ablazione endometriale è solitamente indicata per le donne che hanno periodi abbondanti. Dopo questa procedura, la quantità di sangue si riduce notevolmente o il ciclo si interromperà del tutto. 

Dopo aver eseguito l’ablazione endometriale, tuttavia, la probabilità di gravidanza diminuisce in modo significativo, poiché la procedura distrugge la parte interna dell’utero. Pertanto, è importante discutere questa opzione con il medico se si intende concepire in futuro.

Perché non è possibile fermare il ciclo già iniziato 

Non è possibile bloccare le mestruazioni se sono già iniziate perché il processo è già iniziato a causa dei bassi livelli di estrogeni e progesterone. Una volta che questi ormoni diminuiscono, il rivestimento interno dell’utero si libera e porta all’emorragia che si verifica durante un periodo.

Quando fermare il ciclo 

Se il tuo ginecologo pensa che le tue mestruazioni non siano utili a causa di condizioni mediche come anemia, endometriosi o fibromi uterini, potrebbe essere necessario bloccare le mestruazioni per un periodo di tempo. In questi casi, il ginecologo indicherà il modo migliore per fermare un ciclo, di solito fino a quando la condizione non è sotto controllo e la perdita di sangue non è un problema

Chi non dovrebbe fermare le mestruazioni

Le ragazze di età inferiore ai 15 anni non dovrebbero interrompere il ciclo poiché è importante osservare le caratteristiche del ciclo come la durata del ciclo, la quantità di sangue e i sintomi associati nei primi anni delle mestruazioni. L’osservazione della durata e dei sintomi del ciclo di una ragazza aiuterà a valutare eventuali problemi relativi al sistema riproduttivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.