Ananas in gravidanza si può mangiare o no?

By | Dicembre 9, 2021
Ananas in gravidanza

Mangiare ananas è salutare e completamente sicuro durante la gravidanza. Mangiare ananas durante la gravidanza, come parte delle tre o quattro porzioni giornaliere di frutta, è salutare ed è consigliato. Non corri alcun rischio e in cambio ricevi vitamine e minerali che ti aiuteranno durante tutto il periodo della gravidanza.

In generale, frutta come arance, mango, fragole, banane o ananas sopperiscono la voglia di mangiare dolci e calmano le tue voglie. Acqua, fibre e proprietà antiossidanti rendono questi alimenti compagni immancabili nella tua dieta. L’ananas, invece, mangiata in eccesso o anche se si è solo sensibili, può provocare sensibilità sulla lingua e sulle labbra.

Dentro l’ananas c’è un enzima: la bromelina

La bromelina è concentrata nel tronco, nella parte che viene scartata quando la pianta viene tagliata. È vero che l’enzima si trova anche all’interno del frutto o nelle fette, ma si trova principalmente nel cilindro centrale, che non viene mangiato.

Questo enzima, che si trova esclusivamente nell’ananas, scompone le proteine ​​della lingua, convertendole in aminoacidi e cosi provoca prurito. Quello che succede è che mentre mangi, la mucosa che copre la lingua e il palato scompare. Cotta o in scatola, la bromelina si riduce ulteriormente. Quindi, se ti piace, puoi mangiare l’ananas in quantità maggiori. Ma niente di meglio della frutta fresca nelle giuste proporzioni.

Cosa fornisce la bromelina dell’ananas?

La bromelina viene utilizzata nei trattamenti per il bruciore di stomaco. Anche per combattere sinusiti, problemi di assorbimento intestinale e lesioni del tessuto connettivo. È un componente che viene utilizzato per intenerire le carni e come antinfiammatorio se consumato a stomaco vuoto.

Aiuta a generare un flusso sanguigno sano riducendo l’accumulo di piastrine, riducendo la possibilità di formazione di coaguli. Ma questi risultati ottenuti con il consumo di bromelina si ottengono consumandola isolata negli integratori medici, poiché la sua massima concentrazione è in ciò che non si ingerisce dal frutto.

Ananas, tutto quello che c’è da sapere

Benefici nutrizionali dell’ananas in gravidanza

Mangiare ananas in gravidanza offre benefici, soprattutto perché è un diuretico. Ciò impedisce la ritenzione di liquidi. Fibra e acqua aiutano a prevenire la fastidiosa stitichezza.

In aggiunta, un ananas fresco, fino a due fette, vi offre la vitamina B e CLe vitamine del gruppo B forniscono naturalmente acido folico per lo sviluppo neurologico del feto. L’ananas è ricco di macro e micronutrienti. È composto per oltre l’80% di acqua e contiene carboidrati nel 13% del suo peso. Ha una bassissima concentrazione di sodio e grassi. Per quanto riguarda gli zuccheri, nell’ananas si trovano saccarosio, fruttosio e glucosio.

La vitamina C, nel frattempo, rafforza il sistema immunitario. In 100 grammi di pasta ci sono circa 300 mg di vitamina C; più di quanto richiesto per un adulto. Nel tuo caso, sei incinta, hai bisogno di 80-85 milligrammi di vitamina C e una tazza di ananas te ne fornisce circa 79 milligrammi.

Hai bisogno di mangiare ananas in gravidanza per la formazione del collagene, essenziale per lo sviluppo e la crescita del feto. E a proposito, nel primo trimestre, la vitamina B6 presente nell’ananas ti aiuta a combattere la nausea.

Aggiungi a tutto ciò che lo iodio nell’ananas agisce favorevolmente sul funzionamento della tua tiroide. Pertanto, contribuisce anche allo sviluppo della ghiandola nel feto.

Mangiare ananas durante la gravidanza è a prova di fede

Sebbene la bromelina si trovi solo nell’ananas, la sua azione sulla cervice si manifesta quando viene assunta in grandi quantità

Insomma, non esimetevi da un alimento che fornisce così buone notizie per il vostro corpo. L’ananas è un alleato che soddisfa le voglie e combatte l’ansia, perché quando la mangi senti meno fame e i processi metabolici sono accelerati cosi da farti sentire di buon umore.

Avviso:

Il materiale in questo sito ha lo scopo di essere di uso informativo generale e non intende costituire un consiglio medico, una diagnosi probabile o trattamenti raccomandati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *