3 conseguenze negative del mangiare fritto

By | Ottobre 2, 2021
3 conseguenze negative del mangiare fritto

Cosa succede se mangi fritto? 3 conseguenze negative del mangiare fritto. Mangi fritto regolarmente? Ti daremo una serie di ragioni per cui dovresti ridurre la presenza di questo tipo di alimento nella tua alimentazione.

Mangiare frittura non dovrebbe essere una cosa normale. Durante questo processo di cottura si generano una serie di composti che possono nuocere alla salute. Per questo motivo è generalmente positivo limitarne la presenza nella dieta, utilizzando invece la griglia o cucinando con acqua.

Tieni presente che la frittura si fa con l’olio a temperatura molto alta. Questo processo termico è aggressivo e genera un cambiamento nella configurazione spaziale delle molecole di acidi grassi.

1. Mangiare fritto fa ingrassare

La frittura viene fatta in olio, un mezzo grasso ad alta densità calorica. Parte di questo olio rimane attaccato al cibo in questione. Può anche essere introdotto all’interno se è poroso. Il risultato è un aumento significativo dell’energia fornita dal prodotto.

Quindi, se vengono consumati fritti regolarmente, c’è un rischio maggiore di sperimentare uno squilibrio energetico nella dieta a favore dell’assunzione. Ciò si traduce nello sviluppo di sovrappeso e obesità. Entrambe le condizioni sono associate a complicazioni e a una qualità della vita inferiore, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Metabolism.

Perché compaiono grumi bianchi nell’olio d’oliva?

2. Può causare infiammazioni

I lipidi sono considerati nutrienti salutari, siano essi saturi o insaturi. Il problema si presenta quando la sua configurazione spaziale varia. In questo caso, passano dal tipo cis al tipo trans, che ha un effetto decisivo sul loro impatto sul corpo.

Esistono solide prove che il consumo di grassi trans aumenta l’infiammazione sistemica, causando un aumento del rischio di sviluppare malattie croniche, come il diabete e le malattie cardiovascolari. I cibi fritti hanno un’elevata quantità di questi composti, quindi è fondamentale ridurne la presenza nella dieta.

Inoltre, questi acidi grassi di tipo trans sono in grado di agire sul profilo lipidico, alterando le proporzioni delle lipoproteine ​​e generando un aumento dei trigliceridi nel sangue.

3. Durante la frittura si generano composti tossici

Oltre a quanto fin qui discusso, va anche detto che i cibi fritti possono contenere composti tossici derivati ​​dal processo di cottura stesso. La loro produzione avviene al raggiungimento del punto di fumo, ma esiste anche senza raggiungere questi estremi.

Un tipico esempio di questi è l’acrilammide. Questo composto è generato dalla cottura di amidi sopra i 120 gradi centigradi. Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Critical Reviews in Food Science and Nutrition, il consumo regolare della sostanza potrebbe aumentare il rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro.

Consigli per mangiare meno fritti

Ora sai che mangiare fritto fa male alla salute. È conveniente ridurne il più possibile la presenza nella dieta, lasciando il posto ad altri metodi di cottura molto più adatti. Per questo vi daremo una serie di consigli pratici.

Usa di più il forno

Il forno è un elettrodomestico che cuoce senza bisogno di molto olio e che può causare caratteristiche organolettiche negli alimenti simili a quelle della frittura. Ad esempio, le patate sono ottime al forno. Inoltre, ha il vantaggio che la temperatura può essere controllata.

Prova la friggitrice senza olio

Negli ultimi anni sono stati inventati degli apparecchi elettrici che generano cotture simili alla frittura, ma riducendo la quantità di olio necessaria. Mettendo semplicemente un cucchiaio di grasso in un contenitore. Da qui in poi si genereranno correnti di calore che daranno al cibo un tocco croccante. In questo modo potrete gustare prodotti gustosi senza calorie in eccesso o sostanze nocive.

Sempre meglio la griglia

Molti dei cibi che si consumano fritti possono essere cotti anche alla griglia. Esempi di questo sono pesce, carne e uova. Basta ungere la padella con una goccia d’olio per evitare che il prodotto si attacchi e il gioco è fatto.

Cuocere con olio d’oliva

Quando si tratta di cucinare, l’olio extra vergine di oliva è sempre l’opzione migliore. Questo grasso ha un alto punto di fumo, dovuto alla quantità di doppi legami che le sue molecole presentano. Questo impedisce agli acidi grassi trans di formarsi facilmente.

Evita di mangiare fritto per migliorare la salute

I cibi fritti aumentano il rischio di sviluppare sovrappeso e altre malattie croniche e complesse. Per questo motivo è fondamentale ridurne la presenza nella dieta. Devono essere consumate solo occasionalmente, scommettendo su altri metodi di cottura più sani nella routine quotidiana.

Se sostituisci cibi fritti con cibi alla griglia, al forno o al vapore, vedrai come in poche settimane sperimenterai un miglioramento in termini di composizione corporea. Alcuni marker relativi allo stato di salute, come i trigliceridi, si abbasseranno.

Avviso:

Il materiale in questo sito ha lo scopo di essere di uso informativo generale e non intende costituire un consiglio medico, una diagnosi probabile o trattamenti raccomandati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *